Zaia e la Grecia: “Test per i veneti? Non siamo appestati”

Il presidente del Veneto Luca Zaia

Dopo la decisione della Grecia di chiudere le frontiere all’Italia, i governatori hanno aggiustato il tiro imponendo i test per i turisti provenienti da Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto.

Chi risulterà negativo al test si dovrà sottoporre ad un’auto-quarantena di 7 giorni, mentre i positivi 14 giorni in attesa di un altro tampone. Il presidente veneto Luca Zaia, essendo la sua regione inclusa tra le “zone rosse” ha commentato la decisione della Grecia dicendosi stizzito da tale comportamento.

Le parole di Zaia

In una diretta infatti il governatore Zaia ha dichiarato:

“Pensare che la culla della cultura dell’antichità si sia ridotta a fare gli editti per escludere il Veneto lo trovo allucinante. Noi siamo a disposizione per collaborare in modo costruttivo, non c’è un Paese indenne al Coronavirus. Come si fa a dire una cosa del genere? Noi non siamo degli appestati