Xiaomi viene multata in Italia per violazione delle garanzie

Come altre grandi aziende tecnologiche, Xiaomi riceve di volta in volta delle multe o sanzioni dispari, anche se nella maggior parte dei casi queste finiscono senza alcuna conseguenza per il brand. L’ultima multa è arrivata dall’Italia per presunte violazioni delle garanzie.

Quello in Italia, noto anche come Antitrust, è stato incaricato di sanzionare Xiaomi Italia con una multa di 3,2 milioni di euro. Il motivo di questa sanzione nei confronti di Xiaomi è il rifiuto di riparare diversi smartphone ancora coperti dalla garanzia che presentassero “graffi o altri difetti minori”.

Tali difetti non sarebbero il motivo principale della riparazione in garanzia e sarebbero associati come un male minore. Tuttavia, l’AGCM è consapevole che la garanzia ufficiale di questi prodotti dovrebbe coprirli e ripararli.

Xiaomi ha dichiarato che la sua garanzia aderisce a “operazioni legali e conformi e rispetta le leggi e i regolamenti pertinenti della sede dell’attività”. Pertanto, questi “vizi secondari” sono contemplati nelle basi giuridiche.

L’Europa ha costretto lo scorso anno ad aumentare la garanzia dei prodotti fino a 36 mesi in modo obbligatorio e assicurando l’esistenza delle parti per la riparazione per 10 anni. Un piccolo conflitto che resta come un aneddoto da parte di Xiaomi Italia.

Torna in alto