Xiaomi continua a utilizzare un sensore di prossimità virtuale nello Xiaomi 12S Ultra

Xiaomi ha arruolato ancora una volta Elliptic Labs, un fornitore norvegese di sensori di prossimità virtuali basati su software, sulle sue ultime ammiraglie Xiaomi 12S Ultra e Xiaomi 12 Pro Dimensity Edition.

Laila Danielsen, CEO dell’azienda norvegese, ha affermato che “la continua selezione da parte di Xiaomi del nostro sensore di prossimità virtuale AI per i suoi smartphone leader e il successo collettivo delle nostre aziende, evidenziano perché la piattaforma del sensore intelligente virtuale AI è una forte soluzione per la prossimità rilevamento negli smartphone.

“La Virtual Smart Sensor Platform di AI è una soluzione software al 100% che rende i dispositivi più intelligenti, più ecologici e più a misura di uomo, consentendo i migliori e più innovativi design degli smartphone”, aggiunge.

I sensori di prossimità disattivano lo schermo e disabilitano il tocco quando le persone avvicinano lo smartphone all’orecchio durante una conversazione telefonica. Ciò riduce la possibilità di riagganciare a una chiamata o di comporre numeri quando il telefono è vicino all’orecchio o al viso, preservando la durata della batteria spegnendo automaticamente lo schermo.

 

In generale, i telefoni cellulari includono un sensore ottico a infrarossi sotto lo schermo che è responsabile del rilevamento della vicinanza del viso.

Tuttavia, quasi tutti i dispositivi Xiaomi utilizzano il sensore di prossimità virtuale AI di Elliptic Lab, che rileva la prossimità utilizzando gli ultrasuoni attraverso l’altoparlante. Ciò riduce il costo dei dispositivi ed elimina il rischio di chip mancanti.

Tuttavia, in passato, molti utenti hanno riscontrato problemi di prestazioni con questi tipi di sensori, che non sono sempre accurati come i sensori ottici tradizionali.

Torna in alto