Windows 11: Google Chrome diventerà più facilmente il browser predefinito

Una modifica rilevata nel codice sorgente di Google Chrome mostra che il browser dovrebbe diventare più facilmente il browser predefinito su Windows 11.

Il cambio di browser su Windows 11 è stato oggetto di molti dibattiti. Microsoft ha reso particolarmente difficile la scelta del browser predefinito su Windows 11 nel 2021. Un aggiornamento di marzo 2022 ha fortunatamente risolto il problema. Ora, un passaggio nelle impostazioni di Windows semplifica la scelta del browser predefinito.

Capiamo, tuttavia, perché gli editori di browser web sono alla ricerca di nuovi metodi per rendere banale la scelta del browser predefinito. È il caso di Google che dovrebbe presto offrirlo in un aggiornamento a Google Chrome.

Un pulsante per regolare tutto

È stato Leopardeva64-2 a individuare questo cambiamento e a pubblicarlo su Reddit, prima di essere condiviso dal sito Neowin. La modifica del codice sorgente di Chromium, il progetto che funge da base per Google Chrome e Microsoft Edge. Questo è un nuovo pulsante aggiunto da Google che ti permetterà di passare al browser predefinito in un clic.

Ecco la descrizione della funzione del nuovo pulsante.

Rendi Chrome il browser predefinito. Questa funzione esplora i protocolli URL e le associazioni di file relativi alla navigazione in generale, ad esempio HTTP, HTTPS, .html, ecc., e imposta direttamente le voci di registro corrispondenti.

Questa operazione ricorda un aggiornamento offerto da Mozilla per Firefox. Fino ad ora, la modifica del browser predefinito su Windows 11 doveva passare Via le impostazioni di Windows. I browser possono reindirizzare l’utente solo alla pagina delle impostazioni di Windows 11.

Con queste modifiche, i browser modificheranno direttamente i valori del registro di Windows 11 corrispondenti alla scelta del browser. Un’operazione più spaventosa per la sicurezza del PC, toccare il registro dovrebbe essere sempre l’ultima risorsa, ma che in questo caso è giustificata.

Si spera che in futuro Microsoft offrirà un’API più semplice per i fornitori di browser che potrebbe consentire loro di modificare il browser predefinito senza armeggiare con il registro del sistema operativo.

Torna in alto