Vittoria significativa per Nokia nella disputa sui brevetti: secondo la legge, Oppo, che sta dietro a OnePlussan, viola i brevetti di Nokia

Nokia ha già ottenuto una seconda vittoria in tribunale tedesco in una delle sue cause contro il produttore cinese di smartphone Oppo.

A partire dall’estate del 2021, Nokia ha intentato causa contro Oppo per violazione di brevetto, quando le società non hanno raggiunto un accordo sulla prosecuzione della licenza di brevetto. Nell’autunno del 2021, Oppo ha risposto con le proprie azioni legali contro Nokia, accusandola di violazione di brevetto.

Anche i marchi di smartphone OnePlus e Realme sono sotto le ali di Oppo e Oppo appartiene alla top 5 dei maggiori produttori di smartphone al mondo.

Tra le altre cose, il sito web Nokiapoweruser e Florian Müller, che da tempo segue le battaglie sui brevetti in campo mobile nel suo blog FOSS Patents, hanno riferito della decisione presa dal tribunale tedesco.

Questa volta si trattava di un brevetto che è stato designato come un cosiddetto brevetto essenziale, ovvero parte inizialmente dello standard 4G LTE e successivamente anche dello standard 5G. Secondo Müller, Nokia ha anche vinto un verdetto contro Daimler con lo stesso brevetto un paio di anni fa. In precedenza, un paio di settimane fa, Nokia aveva già vinto la prima decisione dello stesso tribunale in merito al brevetto Wi-Fi, che non è definito come parte dello standard. Secondo le sentenze, Oppo viola entrambi questi brevetti Nokia nei suoi prodotti.

“Il tribunale distrettuale di Mannheim ha deciso ancora una volta, questa volta in relazione al brevetto essenziale della rete mobile, che Oppo utilizza tecnologie brevettate da Nokia nei suoi smartphone e li vende illegalmente senza licenza”, ha commentato un rappresentante di Nokia. “La corte ha anche ritenuto che Nokia abbia agito in modo equo. Nonostante le lunghe trattative, Oppo ha rifiutato di concordare una licenza a condizioni ragionevoli e ha respinto le proposte per risolvere le divergenze”.

Con le decisioni del tribunale, Nokia potrebbe chiedere il divieto di vendita dei prodotti Oppo in Germania, ma è ancora a diversi passi dalla sua realizzazione. Oppo probabilmente cercherà di sospendere l’esecuzione delle decisioni mentre appella i verdetti a un tribunale superiore.

Nel suo processo di appello, Oppo cercherà di dimostrare che i brevetti di Nokia non sono validi o fanno parte dello standard. Inoltre, per evitare il divieto di vendita, Oppo potrebbe comunque provare a riprogettare i propri prodotti per aggirare in modo diverso le soluzioni brevettate.

Nokia aveva già firmato un accordo di licenza di brevetto con Oppo nell’estate del 2018, che, tuttavia, non è riuscito a negoziare un’estensione lo scorso anno.

Oltre alla Germania, Nokia ha citato in giudizio Oppo in molti altri paesi in Europa e Asia.

Nel 2021, dopo battaglie legali, Nokia ha firmato accordi di licenza di brevetto con Lenovo ad aprile e il produttore Mercedes-Benz Daimler a maggio-giugno.

Quasi sempre, le controversie sui brevetti nel settore della telefonia mobile finiscono con un accordo fuori dai tribunali. Tuttavia, varie azioni legali e il deterrente che creano in merito al risarcimento e al blocco dell’accesso al mercato dei prodotti sono risorse importanti per migliorare la posizione negoziale.

La concessione in licenza dell’ampio portafoglio di brevetti è una parte molto importante dell’attuale attività di Nokia. Nokia ha molti brevetti relativi a diversi standard di rete mobile, ma anche, ad esempio, agli standard Wi-Fi e di compressione video. Inoltre, Nokia ha anche molti brevetti diversi dalla tecnologia standardizzata.

Il gruppo di business Technology, che comprende brevetti, tecnologia e licenze di marchio, lo scorso anno ha portato a Nokia 1.502 miliardi di euro di ricavi e 1.184 miliardi di euro di utile operativo.