Guide

10 trucchi per ottimizzare la batteria e velocizzare Android

battery-drai-lag

Se lo smartphone che hai acquistato da pochi mesi inizia a mostrare i primi segni di rallentamento, non disperare. Quello della senescenza tecnologica è un problema ormai abbondantemente discusso e, come avrai avuto modo di notare, gli smartphone sono tra i dispositivi che più velocemente divengono obsoleti.

Quindi, che tu sia proprietario di un top di gamma o di uno smartphone entry level, ti sarai trovato alle prese con l’apertura rallentata delle applicazioni o con piccoli problemi di battery drain. Tuttavia non è necessario pensare già a un nuovo device poiché potrebbero essere sufficienti pochi piccoli accorgimenti per rendere più fluida la gestione delle principali funzioni del tuo telefono. Ecco un elenco di piccoli escamotage che potrebbero rendere il tuo smartphone più rapido:

  1. Scarica e installa Files Go, l’applicazione di Google che analizza lo smartphone alla ricerca di file inutili ed applicazioni di raro utilizzo e che consente anche di trasferire file velocemente. Files Go è estremamente user friendly grazie ad un’interfaccia semplice e intuitiva che consentirà di snellire il funzionamento dello smartphone e renderlo più veloce.
  2. A prescindere dall’utilizzo di Files Go, ti consigliamo di fare una cernita di tutte le applicazioni, preinstallate e non, che utilizzi di rado (o mai) e di disinstallarle. Ti basterà accedere dalle Impostazioni al tab App che ti consentirà di disabilitarle o eliminarle dalla tua raccolta.
  3. Installa la versione Lite delle applicazioni: se utilizzi un telefono con RAM e ROM limitate, l’installazione di applicazioni più “leggere” potrebbe risolvere molti dei tuoi problemi. Facebook Lite, ad esempio, è molto meno impattante sulla velocità di telefoni entry level (e non solo). Tra le tante applicazioni in versione Lite, vale la pena di scaricare Messenger Lite, Skype Lite e queste versioni più “snelle” di YouTube, YouTube Go e Google Search.
  4. Controlla se il tuo sistema operativo è aggiornato all’ultima versione: gli aggiornamenti di sistema sono fondamentali per diversi motivi. Gli aggiornamenti rilasciati mensilmente da Google hanno lo scopo di correggere piccoli bug e di migliorare la stabilità del sistema, senza dimenticare poi gli aggiustamenti di sicurezza tesi a garantire sempre più elevati standard di privacy. Sebbene le differenze tra un sistema aggiornato e uno obsoleto possano sembrare minime, con il tempo ti accorgerai che le performance del tuo smartphone migliorano sensibilmente. Per controllare lo stato del tuo sistema ti basterà accedere alle Impostazioni > Informazioni su > Aggiornamento del sistema > Controlla Aggiornamenti.
  5. Libera la tua schermata Home da tutto ciò che è superfluo: è vero, i live wallpaper sono davvero belli ma purtroppo tendono a creare dei consistenti lag quando si passa da un’applicazione all’altra o quando si torna alla home. Prova a sostituirlo con un wallpaper statico, in questo modo ridurrai i rallentamenti. Se invece non vuoi rinunciare ai wallpaper animati, prova applicazioni come Wallpapers di Google oppure Minima Live Wallpapers, dove troverai screensaver dinamici a basso impatto sulla RAM.
  6. Cambia il launcher: può capitare che l’interfaccia di navigazione preinstallata sul vostro smartphone sia eccessivamente macchinosa o “pesante”. Presto detto, basta cambiarla con alternative più customizzabili e semplici. Tra tutte, le migliori scelte sembrano essere Nova Launcher e Action Launcher che ti consentiranno di personalizzare a tuo piacimento l’interfaccia dello smartphone. A tal proposito abbiamo realizzato una raccolta con i migliori launcher.
  7. Se noti un decremento rapido della batteria, questo potrebbe essere dovuto ad applicazioni che rimangono aperte in background, appesantendo i cicli della CPU del telefono e quindi rallentandolo. Per risolvere il problema del battery drain e velocizzare lo smartphone, ti consiglio quindi di monitorare frequentemente l’utilizzo della batteria dalle Impostazioni, ed eventualmente interrompere o disinstallare l’applicazione incriminata.
  8. Sulla scia di quanto detto in relazione ai live wallpapers, ti consiglio di disabilitare l’accensione automatica dello schermo ad ogni notifica, questa infatti incide molto sia sulla durata della batteria che sulla fluidità del telefono.
  9. Spegni il Bluetooth se non lo stai usando: volendo racimolare ogni piccolo punto percentuale per estendere al massimo la durata della batteria del tuo smartphone, ti consiglio di ridurre al minimo l’utilizzo del Bluetooth o quanto meno di non lasciarlo costantemente attivo.
  10. Non installare un ottimizzatore di batteria: sebbene possa sembrare un controsenso, la realtà dei fatti ci insegna che i “battery fixer” non servono a molto soprattutto perché le loro scarne funzioni (pulizia cache e chiusura delle apps in background) hanno come controparte il dover avere a che fare con pubblicità invadenti e addirittura un aumento del rischio di imbattersi in malware. Molto meglio optare per una pulizia manuale della cache o avvalersi di applicazioni più affidabili come Google Files Go.

Fai click per commentare
Vai su