Un cambiamento significativo per l’app store di Google Play in Europa: Google consente applicazioni diverse dal proprio metodo di pagamento

Di recente, le pratiche di pagamento richieste dagli app store sono state oggetto di scrutinio da molte direzioni, poiché le autorità garanti della concorrenza, i legislatori di diversi paesi e le cause legali hanno concentrato l’attenzione soprattutto sui requisiti degli app store mobili, ovvero App Store di Apple e Google Play, di utilizzare i propri metodi di pagamento.

In passato, come regola generale, Apple o Google non consentivano altri metodi di pagamento per la vendita di contenuti digitali nelle applicazioni, ma ora sono cominciate a comparire delle eccezioni.

Oggi Google ha annunciato che apporterà una modifica al suo Google Play Store e in futuro, inizialmente per applicazioni diverse dai giochi, consentirà di offrire altri metodi di pagamento nelle applicazioni nella regione SEE, ovvero lo Spazio economico europeo, che è più ampia dell’Unione Europea.

Successivamente, il cambiamento si estenderà anche ai giochi.

Secondo Google, il cambiamento nel consentire metodi di pagamento alternativi è la sua risposta alla futura regolamentazione del mercato digitale dell’Unione Europea, che il parlamento ha già approvato all’inizio di luglio.

“Ci impegniamo a soddisfare questi nuovi requisiti e garantire che possiamo continuare a mantenere le persone al sicuro sulle nostre piattaforme e investire in Android e Play a vantaggio dell’intero ecosistema”, ha commentato Google nel suo annuncio.

Tuttavia, Google intende continuare ad addebitare agli sviluppatori di applicazioni una tariffa di servizio anche nel caso in cui non utilizzino il metodo di pagamento offerto da Google. Secondo Google, la sua commissione di servizio è inferiore di 3 punti percentuali per i pagamenti effettuati utilizzando altri metodi di pagamento, ad esempio il 12 o il 27 percento anziché il 15 o il 30 percento.

Allo stesso tempo, Google ha affermato che il 99 percento di tutti gli sviluppatori che hanno pubblicato applicazioni su Google Play in precedenza aveva diritto a una tariffa di servizio ridotta del 15 percento o inferiore, che Google offre, ad esempio, agli sviluppatori con entrate inferiori a $ 1 milione all’anno da Google Play.

Per gli sviluppatori di applicazioni, la modifica apportata da Google ora offre la possibilità di scegliere quali metodi di pagamento offrire nelle loro applicazioni, ma non ci sono grandi opportunità di risparmio: insieme, la tariffa di servizio ridotta di Google e le commissioni di servizio addebitate da altri fornitori di metodi di pagamento sono in qualche modo equivalente alla tariffa del servizio direttamente con il metodo di pagamento di Google.

La fornitura di altri metodi di pagamento nelle applicazioni distribuite tramite Google Play richiede anche adeguati requisiti di protezione dell’utente.

Le modifiche annunciate da Google ora non influiscono sul Google Play Store e sui termini degli sviluppatori al di fuori dello Spazio economico europeo.

Anche i giochi non sono ancora interessati dalle modifiche alla possibilità di offrire altri metodi di pagamento, ma secondo Google prevede di espandere la possibilità di offrire altri metodi di pagamento ai giochi nello Spazio economico europeo prima dell’entrata in vigore della nuova regolamentazione del mercato digitale dell’UE forza.

“Sebbene il Digital Market Act non entrerà in vigore per qualche tempo, stiamo lanciando questo programma ora in modo da poter lavorare a stretto contatto con i nostri partner di sviluppo e garantire che i nostri piani di conformità soddisfino le esigenze dei nostri utenti condivisi e dell’ecosistema più ampio”, afferma Google.

Ulteriori informazioni sulla modifica per gli sviluppatori di applicazioni sono disponibili sul sito Web di Google.

Torna in alto