Operatori Telefonici

Tiscali e PosteMobile tornano alla fatturazione mensile senza aumentare i costi

Dopo l’approvazione dell’emendamento che ha bloccato la fatturazione a 28 giorni nel settore delle telecomunicazioni e delle Pay TV, molte sono le aziende che sono corse ai ripari. Tra queste non possono ovviamente mancare gli operatori telefonici, che negli giorni scorsi hanno annunciato il ritorno alla fatturazione mensile con un aumento delle tariffe dell’8,6%. Tutti tranne Tiscali e PosteMobile però.

Infatti le due società, che anch’esse passeranno alla fatturazione mensile rispettivamente il 5 marzo ed il 5 aprile, non aumenteranno il prezzo delle promozioni, “regalando” così ad ogni cliente un mese di abbonamento l’anno. Già nelle prossime ore tutti i clienti Poste Mobile riceveranno un SMS informativo per comunicare la rimodulazione dell’offerta telefonica.

A partire da marzo anche per i clienti di rete fissa PosteMobile Casa si ridurrà il costo annuale, visto che il canone verrà rinnovato a cadenza mensile anziché ogni 28 giorni senza alcun aumento dei costi. A differenza di Tiscali che non ha mai introdotto la fatturazione a 28 giorni per i servizi di telefonia fissa e internet come confermato dall’AD di Tiscali Riccardo Ruggiero, secondo il quale “è una scelta a vantaggio dei nostri clienti che conferma ulteriormente la coerenza di Tiscali nel portare avanti la sua missione di trasparenza e il suo approccio di libertà per il cliente”.


Fai click per commentare
Vai su