Curiosità

Patente sospesa fino a 6 mesi per chi usa lo smartphone in automobile

Guidare è una cosa stupenda. Ci fa sentire liberi, senza catene, permettendoci di girare il mondo o semplicemente di prenderci una pausa dalla vita quotidiana che ci stressa. Ovviamente non è solo questo; guidare permette soprattutto di raggiungere rapidamente una destinazione e, quindi, è una pratica comune per gli spostamenti in grandi e piccole città.

Negli ultimi tempi, la percentuale di utilizzo dello smartphone durante la guida è aumentata estremamente, soprattutto nel nostro paese. Utilizzare uno smartphone, o un qualunque dispositivo elettronico, mentre si è nella propria auto in movimento è molto rischioso perché non ci permette di concentrarci su ciò che avviene attorno a noi. Per questa ragione, il nostro parlamento ha sentito l’esigenza di approvare una legge più dura verso questo tipo di violazione.

Smartphone, sospensione immediata

Michele Meta, presidente della commissione dei Trasporti della Camera, ha recentemente presentato un emendamento per richiedere la modifica dell’articolo 173 del codice della strada, quello inerente alla distrazione alla guida di un veicolo.

Secondo l’emendamento presentato ed approvato, chi verrà trovato ad utilizzare uno smartphone od un qualunque dispositivo elettronico mentre è alla guida, sarà vittima della sospensione della patente per tre mesi, che diventeranno sei mesi in caso di recidiva. Per motivare questa modifica, Meta spiega:

“L’innovazione tecnologia deve essere sempre uno strumento per migliorare la sicurezza in automobile, come dimostrano le norme, anch’esse contenute nella legge in esame, sull’obbligo di dispositivi antiabbandono dei bambini. Quando invece le tecnologie diventano un fattore di distrazione, come testimoniano gli studi recenti sulle cause degli incidenti stradali, bisogna avere il coraggio di rispondere con una norma choc come questa”

Vi ricordo che, prima di quest’emendamento, l’articolo 173 del codice stradale prevedeva la sospensione della patente di guida soltanto alla seconda infrazione del divieto nell’arco di due anni. Questa modifica rende l’articolo molto più severo, ma giusto.

Morale

La guida, per quanto bella, dev’essere sicura. Nel corso di questi anni si sono visti troppi incidenti e troppi morti a causa di distrazioni di questo tipo, e tutto ciò dev’essere fermato in qualche modo.

Una norma così severa è nata dalla nostra incoscienza, dalla nostra indifferenza nei confronti di alcune leggi; è inutile lamentarsi, ma bisogna accettarla e rendersi conto dei propri errori. Voi cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Fai click per commentare
Vai su