Sony è stata citata in giudizio per un apparente crash di PS5

Christina Trejo, cittadina statunitense ha depositato un’azione legale collettiva contro Sony Corporation negli Stati Uniti. L’attore sostiene che la PS5 ha un grave difetto che porta al crash della console durante le sessioni di videogiochi. La denuncia menziona anche l’accensione e lo spegnimento della PS5 da sola.

È vero che ci sono stati alcuni rapporti riguardo al crash di PS5 da parte di alcuni utenti dal rilascio, ma questi problemi sono stati considerati isolati. Tuttavia, l’attore ritiene che questo arresto anomalo sia dovuto a un difetto della PlayStation 5 di Sony che la società avrebbe dovuto correggere.

Dall’uscita di PlayStation 5, Sony Interactive Entertainment ha venduto più di 20 milioni di unità PS5. La console è stata salutata come il più grande lancio nella storia di PlayStation e non mostra segni di rallentamento nonostante i vincoli di fornitura.

Ora c’è da chiedersi che se PlayStation 5 avesse davvero un difetto innato che portava al crash di console e giochi, ormai sarebbe stato più pubblico, giusto? Avrebbe potuto essere come il famigerato Red Ring of Death su Xbox 360 e revisori e critici lo avrebbero evidenziato di più.

L’attore ha citato alcune recensioni di Amazon e alcune altre fonti online come prova di tale difetto in PlayStation 5. È interessante notare che un attore diverso sta facendo causa Amazon anche per la vendita di console PlayStation 5 difettose. Quindi potrebbe essere che Amazon abbia ricevuto alcune console difettose e siano state consegnate agli utenti che alla fine hanno pubblicato quelle recensioni sul sito Web del rivenditore.

Le aziende citate in giudizio dai consumatori su questioni diverse non sono una novità. Tuttavia, una percentuale molto piccola di queste cause ha effettivamente dei risultati significativi. Vediamo come se l’affermazione di Christina Trejo abbia un peso agli occhi della legge o meno.

Torna in alto