Smartphone: un calo inesorabile delle vendite dal 2016

A maggio sono stati venduti meno di 100 milioni di smartphone nel mondo. Una recessione del mercato che si conferma con la carenza di componenti, la chiusura di stabilimenti in Cina e la guerra in Ucraina.

Il mercato degli smartphone è in calo ed è appena sceso sotto la barra simbolica dei 100 milioni di unità vendute lo scorso maggio. Una recessione che si conferma con un mercato in calo del 4% rispetto ad aprile e del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Se il Covid non aveva aiutato nel 2020 e nel 2021, oggi il problema è diverso.

Il picco del 2016 è alle nostre spalle

Secondo un rapporto di Counterpoint Research, le vendite di smartphone hanno raggiunto il picco a dicembre 2016, l’unico mese in cui il mercato ha raggiunto i 150 milioni di unità vendute in tutto il mondo. Da allora possiamo pensare che i consumatori siano per lo più attrezzati e che i potenziali clienti non siano molto numerosi. Siamo passati da un mercato di conquista a un mercato di rinnovamento, che lo rende più dipendente dal contesto economico.

mercato-smartphone-maggio-2022

Per Tarun Pathak, direttore della ricerca di Counterpoint Research, il calo delle vendite unitarie è legato a “pressioni inflazionistiche”, che fanno sì che i consumatori che vivono nei paesi sviluppati rinviino questo acquisto, che è principalmente un sostituto di un modello. più recente. Ma colpisce anche i paesi emergenti, dove è probabile che i consumatori “attentino le promozioni stagionali prima di acquistare per compensare alcune delle pressioni sui costi”.

Il declino del mercato cinese e la guerra in Ucraina

L’analista principale dello studio, Varun Mishra, ha affermato che “i blocchi della Cina e il prolungato rallentamento economico hanno danneggiato la domanda interna e minato la catena di approvvigionamento globale”. Sebbene il mercato cinese non abbia subito un calo tra aprile e maggio 2022, si è ridotto del 17% rispetto a maggio 2021.

L’altra causa addotta è la crisi russo-ucraina, “che penalizza la domanda nell’Est Europa” e aggiunge incertezza. Il mercato degli smartphone è scosso e nessun produttore sembra risparmiato da questo contesto geopolitico, anche se Realme sta vivendo una forte crescita in Francia, mentre Xiaomi sta perdendo quote di mercato in Europa. Inoltre, alcuni produttori si ritrovano con grandi stock di smartphone, ad esempio Samsung avrebbe tra le mani 50 milioni.

Realme GT2 (7)

Counterpoint Research prevede che la recessione del mercato continuerà per tutta l’estate, ma le sue condizioni dovrebbero migliorare nella seconda metà del 2022. Le vendite potrebbero aumentare “a causa di una situazione più normalizzata in Cina, del continuo miglioramento dell’equilibrio tra domanda e offerta […] e migliori condizioni macroeconomiche”.

Tanto più che in questa seconda parte dell’anno dovremmo scoprire il Samsung Galaxy Z Fold 4 e il Galaxy Z Flip 4 o anche l’iPhone 14, che sono ancora molto popolari.