Sgarbi contro Benigni: “Ha palpeggiato Raffaella Carrà. Abbattete la sua statua”

Dopo le immagini alla Camera in cui è stato allontanato di peso da alcuni colleghi, Sgarbi continua a far parlare di sé. Stavolta nel suo mirino c’è Roberto Benigni, a cui il critico d’arte ha rivolto parole dure in una lunga intervista a Libero Quotidiano.

Sgarbi contro Benigni

Durante l’intervista si è infatti citato Montanelli e il fatto che la sua statua, dopo essere stata imbrattata di rosso, è stata demolita. Il motivo è che Indro Montanelli, giornalista, aveva sposato una giovanissima ragazza di soli 12 anni. Sgarbi è tornato sulla questione chiedendo l’abbattimento della statua di Benigni:

“A Castiglione Fiorentino è stata fatta una statua a Benigni. Io esorto gli italiani ad abbatterla. A fare quel che hanno fatto con Montanelli. Perché Benigni, come Montanelli, ha trattato la donna come un oggetto

Con queste dichiarazioni il critico d’arte ha fatto riferimento al giorno in cui Benigni è stato ospite alla trasmissione del 1991 condotta da Raffaella Carrà.

“Raffaella Carrà conduceva. A un certo punto arriva Benigni le salta addosso, la palpeggia, le dice di mostrare la pass**a. Dove siete voi che accusate Montanelli? Non è più grave di quello che ha fatto Benigni. In entrambi i casi la donna è stata trattata come oggetto. Solo che Benigni ha la leggenda di essere un uomo di sinistra e gli si perdona tutto. Ma si è comportato da maschio predatore, esattamente come Montanelli”.

Accuse abbastanza dure quelle di Sgarbi che, come al solito, non si risparmia mai.