Salvini: “Solidarietà a Bocelli, bersaglio di attacchi vergognosi”

Le parole di Andrea Bocelli sul Coronavirus hanno creato una vera e propria bufera sui social e non solo. Il grande tenore italiano, durante un comizio, ha rivelato di aver violato volontariamente le norme restrittive, in quanto a suo parere la situazione del Coronavirus non era così grave come ci è stata presentata.

Una frase che ha fatto scatenare i social è stata “conosco tante persone, ma nessuno è stato in terapia intensiva“, come a voler sminuire la situazione tragica che l’Italia ha vissuto nei mesi di marzo-aprile. Contro Bocelli si è scagliato anche il rapper Fedez, che ha mostrato una fotografia assieme ad un suo amico 18enne che ha dovuto subire un trapianto proprio a causa del Covid.

Salvini dalla parte di Bocelli

A difendere Andrea Bocelli invece è stato Matteo Salvini. Il leader della Lega tra l’altro era presente durante il comizio tenutosi due giorni fa. Salvini ha mostrato la sua vicinanza al tenore, che ieri è stato protagonista di vari articoli e affermazioni. Ecco cosa ha scritto il senatore sui social:

“Tutta la mia solidarietà ad @AndreaBocelli, oggi bersaglio di attacchi volgari, ingiusti e vergognosi”