Salvini: “Se fossi al Governo chiederei agli italiani i soldi per far ripartire il Paese”

Il leader della Lega, Matteo Salvini, è stato ospite ieri sera del programma “DiMartedì” in onda su La7. Il politico ha commentato la situazione Coronavirus in Italia, spiegando ai cittadini quali decisioni prenderebbe se fosse a capo del Governo:

“Molti mi chiedono cosa farei se fossi al Governo. Se fossi al Governo chiederei agli italiani i soldi per far ripartire il Paese, non credo a strumenti come il MES, perché sarebbe un debito sulle spalle dei nostri figli e significherebbe lavoro più precario. Emissione straordinaria di buoni del tesoro per cittadini, imprenditori, investitori garantiti dal Governo e dalla banca centrale europea in modo che il debito italiano sia in mano a cittadini italiani con condizioni fiscali di vantaggio. Non mi fido di prestiti che arrivano dall’Europa.”

Le parole di Salvini

Il senatore ha continuato l’intervista dicendo che gli italiani, dopo il tragico periodo che stiamo vivendo, vorrebbero non perdere il lavoro e quindi ritrovare le attività. Di seguito le sue parole a La7. In fondo invece potete trovare il video dell’intervista.

“Sono sicuro che gli italiani hanno a cuore la loro salute e vorrebbero ritrovare le loro attività e su questo è lo Stato che può dare garanzie. Chiediamo agli italiani, come è successo nel dopoguerra, i soldi, se ce li vogliono dare, garantiti dal Governo e dalla Banca Centrale Europea. Si può fare.”

https://www.instagram.com/p/B-ttkveIBgo/