Salvini contro i porti aperti: “Mi domando se al governo siano complici o incapaci”

Il leader della Lega Matteo Salvini
Il leader della Lega Matteo Salvini

Non si parla d’altro in questi giorni che delle decine di migranti sbarcati in Italia che sono risultati positivi al Coronavirus. La notizia ha fatto subito scalpore e ha fatto scatenare gli animi di alcuni politici e cittadini calabresi, che ad Amantea (CS) hanno protestato per il trasferimento in città di 13 pakistani positivi.

Ad essere in prima linea sull’argomento è Matteo Salvini, che sui social sta pubblicando numerosi post contro il governo. Solo ieri vi avevamo parlato del messaggio del leader della Lega rivolto al governo e del grido d’aiuto di Jole Santelli, presidente della Calabria. Oggi Salvini scrive:

“Mi viene il dubbio che qualcuno stia cercando lo scontro sociale.
Mentre ancora 600mila italiani sono senza cassa integrazione, sulla scuola non si sa nulla e la stagione turistica è partita con difficoltà, l’unico dato che aumenta è quello dell’immigrazione. Solo tra sabato e domenica ne sono sbarcati più di 900.
L’anno scorso dal primo gennaio ad oggi ne sono arrivati 3.000: quest’anno, con 4 mesi di chiusura per il Coronavirus, ne sono sbarcati 9.000 (il triplo!!!). Vuol dire che qualcuno non sa fare il proprio mestiere. Vuol dire che il ministro dell’Interno non è in grado di difendere i confini italiani.
Mi domando se al governo siano complici o incapaci. #portichiusi