Roberto Giacobbo: “Ho avuto il Coronavirus ed ero a un passo dalla morte”

L’intervista di Verissimo a Roberto Giacobbo, il giornalista di Freedom, ha portato a galla delle forti emozioni. Con la voce rotta, infatti, Giacobbo ha ripercorso il trauma del Coronavirus, essendone stato affetto durante il lockdown.

Un percorso dolorosissimo quello raccontato a Silvia Toffanin:

“Non me la sono andata a cercare, non ho fatto feste, non sono andato in locali. Il 5 marzo sono andato al supermercato e qualcuno probabilmente mi ha trasmesso il virus. Il 12 marzo ho cominciato ad avere la febbre, ma avevo anche una laringite che ha confuso i sintomi”.

Il giornalista ha proseguito con il toccante racconto:

“Sono finito in rianimazione, non in terapia intensiva. Per 42 giorni ho visto solo persone con le tute. Potevo muovere solo gli occhi. Nel referto c’era scritto “situazione gravemente compromessa”, ero a un passo dalla fine

“Mi hanno tolto tutto, anche la fede nuziale. Ho pensato che sarebbe stata l’ultima cosa che avrebbero avuto le mie figlie e mia moglie. Non avrebbero potuto piangere neanche il corpo”.

Il racconto, fortunatamente, ha avuto un lieto fine: “Adesso tutto è più bello, sono felice. Ogni respiro è più bello”.