Recensioni

Xiaomi Amazfit Pace, il best buy degli smartwatch!

Il mondo degli smartwatch è sempre più vasto e Xiaomi si sta rilevando uno dei migliori produttori anche in questo settore. Dopo aver già visto la Recensione Xiaomi Amazfit Bip, ecco un altro orologio intelligente che questa volta ha un tocco di eleganza in più.

Sto parlando dello Xiaomi Amazfit Pace, un dispositivo dal display circolare che ha rapito il cuore di tutti gli appassionati di smartwatch, ma non perdiamo altro tempo e procediamo con la nostra recensione!

Video Recensione

Confezione – Voto 8

Arriva in una scatola di cartone nera, con la parte superiore in plastica che ci consente di vedere fin da subito il nostro Xiaomi Amazfit Pace. Una volta aperta, oltre allo smartwatch, troviamo anche la base di ricarica, il cavo MicroUSB-USB e la manualettistica. Purtroppo quest’ultima è interamente in cinese quindi sarà di difficile comprensione senza l’ausilio di un traduttore.

Design e materiali – Voto 8

Esteticamente somiglia molto ad un classico orologio ma al posto delle lancette troviamo un display incastonato in una cassa circolare in ceramica, unita a una back cover non removibile in plastica che incorpora il connettore magnetico per la ricarica e il sensore per il battito cardiaco.

A contornare il tutto c’è un cinturino in gomma da 22 millimetri di ottima qualità che non crea alcun fastidio anche indossandolo per intere giornate. E’ possibile sostituirlo in tutta comodità grazie ad uno sgancio rapido che con un semplice gesto consente appunto di sostituire il cinturino.

Xiaomi Amazfit Pace può essere acquistato in due differenti varianti di colore, ovvero la versione nera e quella arancione. Di certo quest’ultima tonalità è un po’ particolare ma secondo me può essere la scelta giusta se si ha in mente di sostituire il cinturino con altri più eleganti.

Hardware – Voto 7

Troviamo un processore dual-core da 1.2 GHz, accompagnato da 512 MB di RAM e 4 GB di memoria interna, purtroppo non espandibile. Sul lato della connettività troviamo Wi-Fi e il Bluetooth 4.0. E’ presente poi il sensore di luminosità che purtroppo va leggermente a rovinare l’estetica di questo Xiaomi Amazfit Pace. Non manca nemmeno il GPS che ci consente di avere una maggiore accuratezza durate l’attività fisica, il sensore per il battito cardiaco che è perfettamente in linea con la scocca posteriore e i connettori magnetici per la ricarica.

Display – Voto 7.5

Troviamo un pannello LCD da 1.34 pollici con una risoluzione di 320 x 300 pixel. Di certo non è il display più bello che abbia mai visto su uno smartwatch, ma è comunque un’ottima unità soprattutto al prezzo a cui è venduto. Infatti nonostante sia di tipo transflettivo, quindi più luce diretta del sole riceve più la sua leggibilità aumenta, risulta ben leggibile anche in ambienti chiusi. Se comunque non dovesse esserci luce sufficiente per leggere correttamente le informazioni sullo schermo, nessun problema, è presente anche la retroilluminazione che può essere attivata o tramite il click del pulsante o tramite il sollevamento del polso.

Per quanto riguarda il trattamento oleofobico purtroppo non sono soddisfatto, infatti a confronto con l’Amazfit Bip, l’ho trovato leggermente meno resistente alle impronte. Nulla di preoccupante, solo che è un po’ noioso stare lì sempre a pulirlo.

Software – Voto 8

A bordo di questo Xiaomi Amazfit Pace non troviamo Android Wear ma una versione di Android estremamente personalizzata. Abituarsi a questa interfaccia è davvero semplice in quanto è stata progettata per essere il più intuitiva possibile.

Per quanto riguarda gli applicativi, purtroppo non è possibile installare il Play Store, ma troviamo comunque tutte le funzionalità a cui ormai Xiaomi ci ha abituato con i suoi wearable. Infatti con uno swipe da destra verso sinistra accediamo alle modalità fitness, quali camminata, corsa e ciclismo. Scorrendo da destra verso sinistra invece troviamo le applicazioni installate come meteo, conteggio passi, battito cardiaco, qualità del sonno, bussola, sveglia e un lettore musicale. Quest’ultimo, purtroppo, non può gestire direttamente la musica presente sul nostro smartphone ma solo quella che caricheremo sullo Xiaomi Amazfit Pace. Infine con uno swipe verso il basso accediamo al classico menu a tendina tramite il quale potremo visualizzare le notifiche, regolare la retroilluminazione, attivare o spegnere il Bluetooth e il WiFi.

E’ presente anche l’applicazione dedicata che prende il nome di Amazfit Watch e permette di impostare le watch faces e scegliere le app in grado di inviare notifiche sullo smartwatch. Inoltre sarà possibile visualizzare il resoconto delle attività svolte direttamente sull’app come avviene per l’applicazione Mi Fit.

Autonomia – Voto 6.5

Su questo punto ci sarebbe molto da discutere perché la batteria da 280 mAh consente una durata abbastanza mutevole in base all’utilizzo che si fa. Personalmente ho usato questo Xiaomi Amazfit Pace sempre collegato sia al Wi-Fi che allo smartphone tramite Bluetooth e sono riuscito a fare al massimo 3 giornate di utilizzo.

Mentre facendone un uso come se fosse esclusivamente un orologio il discorso cambia, in quanto sono riuscito a raggiungere le 5 giornate di utilizzo. Di certo mi aspettavo qualcosina in più, però posso ritenermi comunque soddisfatto vista la completezza dell’esperienza utente.

Per quanto riguarda la ricarica avviene attraverso l’apposita base da collegare possibilmente ad un computer, per garantire una vita più duratura al nostro smartwatch. I le tempistiche sono di circa 1 ora partendo dallo 0% e raggiungendo il 100%.

Conclusione

Lo smartwatch Xiaomi Amazfit Pace è venduto ad un prezzo di 98.08€ dall’ecommerce Gearbest.com tramite questo indirizzo. Personalmente mi sono trovato abbastanza bene, soprattutto perché il rapporto qualità/prezzo è davvero sensazionale e fidatevi, se vi dico che è davvero difficile trovare di meglio a questa cifra.

Fotogallery

 

Amazfit Pace

Amazfit Pace
7.4

Design e materiali

8/10

Hardware

7/10

Display

8/10

Software

8/10

Autonomia

7/10

Pros

  • Design
  • Prezzo
  • Software

Cons

  • Autonomia

Fai click per commentare
Vai su