Recensione MacBook Air M2: l’evoluzione di un’icona

Come riesci a migliorare quella che è già considerata un’icona dell’informatica? Il MacBook Air è uno dei prodotti più rivoluzionari nell’informatica e nessuno ne parla. Introdotto nel 2008, appena un anno dopo l’iPhone, ha dimostrato che puoi avere un laptop molto leggero, sottile e capace con cui puoi lavorare per ore, senza molti compromessi in termini di alimentazione, spazio di archiviazione o capacità. Il suo design a forma di cuneo era leggendario fin dal primo giorno e dopo 14 anni sul mercato è ancora imitato da dozzine di marchi. Ma con una classica mossa Apple, l’hanno lasciata alle spalle e, sfruttando il passaggio al processore M2, l’hanno completamente ridisegnata.

Ed è da lì che dovremmo iniziare. A causa della dichiarazione di intenti di Apple con le sue nuove tendenze di design dei prodotti e di come si stanno evolvendo verso quel punto debole in cui la forma dovrebbe seguire la funzione, non il contrario.

Forse Apple era convinta che la forma seguisse la funzione da vicino con i progetti precedenti. Soprattutto i MacBook Pro da 13 pollici e 16 pollici o quel MacBook da 12 pollici. Ma per alcuni aspetti non sono stati all’altezza. I problemi con la tastiera con meccanismo a farfalla (2015-2019), la discutibile utilità della TouchBar o la penosa mancanza di porte, soprattutto nelle apparecchiature professionali. Quasi tutto per cercare di renderli più leggeri e sottili.

Ma con il MacBook Pro da 14 pollici e 16 pollici con processore M1 Pro e Max, Apple ha scelto di tornare indietro sulla strada per consentire al design di essere un po’ più spesso in modo che il laptop sia veloce quanto necessario, ha la durata della batteria di cui ha bisogno e le porte di cui tutti abbiamo bisogno. Il risultato è un prodotto con un tocco leggermente più industriale? Più squadrato, con una sensazione più durevole, senza compromettere tutto ciò che rende un prodotto Apple un prodotto Apple.

Dico tutto questo perché è esattamente lo stesso modo in cui mi sento riguardo al nuovo design del MacBook Air. Addio il design a cuneo, linee molto dritte, uno schermo dai bordi più piccoli, con un notch e una tastiera ancora più funzionale. Naturalmente, sottile e leggero come sempre.

Ha un dettaglio curioso. I quattro pad circolari su cui si trova MacBook Air sono leggermente più alti. Come quelli del MacBook Pro da 14″ o 16″. Suppongo che non disponendo di un sistema di controllo termico, torni utile per dissipare meglio il calore.

Il MacBook Air M2 è disponibile in quattro colori. L’unità di prova che ho ricevuto è la versione di mezzanotte, la mia preferita, ed è decisamente spettacolare. È significativamente più scuro del grigio siderale, con l’unico inconveniente che sono evidenti le impronte delle mani sull’involucro.

Se guardiamo il nuovo MacBook Air M2 solo dal punto di vista del design, è uno dei laptop più belli che Apple abbia realizzato in tutta la sua storia. E, quindi, è uno dei laptop più belli che siano stati visti.

MacBook Air M1 contro MacBook Air M2

Queste sono le principali differenze tra il MacBook Air con chip M1 e il MacBook Air con chip M2:

CaratteristicheMacBook Pro M2MacBook Air M1ChipApple Silicon M2
CPU a 8 core
GPU fino a 10 core
Motore neurale a 16 core
Larghezza di banda della memoria di 100 GB/sApple Silicon M1
CPU a 8 core
GPU fino a 8 core
Motore neurale a 16 coreRAMMassimo 24GBMassimo 16GBStorageMassimo 2TBMassimo 2TBDisplay13.6″ Liquid Retina a 2560 x 1664
500 nit Retina da 13,3 pollici a 2560 x 1660
400 nitsAutonomia18 ore18 oreFotocameraFaceTime HD a 1080pFaceTime HD a 720pSuono4 altoparlanti con suono spaziale, stereo ampio e supporto Dolby Atmos2 altoparlanti con supporto stereo ampio e Dolby AtmosDimensioniAltezza: 1,13 cm
Larghezza: 30, 41 cm
Profondità: 21,5 cm Altezza: da 0,41 a 1,61 cm
Larghezza: 12″
Profondità: 21,24 cmPeso1,24 kg1,29 kg

Il chip M2 di Apple in un computer non raffreddato

Una novità del nuovo MacBook Air, oltre allo schermo e al design più grandi, è il chip M2 di Apple. Ha prestazioni più elevate rispetto alla M1, con un’efficienza energetica ancora maggiore. Vale a dire: più potenza, ma mantiene quelle 18 ore di autonomia.

Il chip M2 rende il nuovo MacBook Air fino a 1,4 volte più veloce della precedente versione M1 e fino a 15 volte più veloce del modello Intel Core i5 dual-core. Modello che inoltre, di gran lunga, non è stato in grado di mantenere quelle 18 ore di autonomia che ora il prodotto ha.

Le meraviglie che Apple ha raggiunto con i propri processori sono state ampiamente trattate in PhoneToday nel corso degli anni. Siamo sempre sorpresi e ci sforziamo di non essere così iperbolici quando vediamo i risultati.

L’M1 ci ha lasciato senza parole per la sua potenza e autonomia quando abbiamo testato il primo MacBook Pro da 13″ con il chip Apple. Poi non potevamo credere a quello che abbiamo visto con il MacBook Pro da 14″ con il chip M1 Pro/Max. Finalmente , siamo d’accordo, sorpresi, in meglio, quando abbiamo testato l’M1 Ultra in Mac Studio.

Abbiamo già avuto le nostre prime esperienze con l’M2 nel MacBook Pro da 13 pollici che abbiamo recentemente testato, dove è presente un sistema di raffreddamento, e ora dobbiamo provarlo in questo nuovo MacBook Air, che non ha ventola.

Ciò significa che anche se l’alimentazione è presente, a volte la temperatura diventa così alta che il sistema deve spegnere l’alimentazione, poiché non c’è nulla che la raffreddi attivamente. Detto questo, essendo un chip estremamente efficiente, i tempi in cui ciò accade sono puntuali e sono legati a compiti molto complessi.

Nella vita reale, questo significa che sarai in grado di fare praticamente qualsiasi cosa, giorno per giorno, anche più velocemente di prima. Safari funziona alla grande, Photoshop funziona meglio di qualsiasi laptop Intel del passato (con o senza ventola) e sto modificando un progetto di uno dei miei video sul mio canale YouTube, girato in 4K, in Premiere Pro, senza problema principale.

Ho fatto i soliti test sintetici e questi sono i risultati. Su Geekbench ho ottenuto un risultato multi-core di 8993, che in realtà è leggermente superiore a quello che ho ottenuto sul MacBook Pro da 13 pollici con chip M2, che era 8685. Ma è normale che sia un po’ più alto o un po’ più basso.

Geekbench è un test rapido, non riscalda troppo i core del processore CPU o GPU, quindi è normale vedere risultati simili con o senza ventole per mantenere la temperatura operativa ottimale.

Un’altra storia riguarda PugetBench, che cerca di riflettere le prestazioni effettive degli usi reali nelle applicazioni di editing video come Premiere Pro. In quel caso, ho ottenuto un punteggio di 509. Nella mia recensione del MacBook Pro da 13 pollici con chip M2 ho ottenuto una valutazione di 616. Questo può darti un benchmark leggermente più chiaro delle prestazioni su attività più complesse con applicazioni professionali.

Secondo l’esploratore di Puget, i risultati dei computer con il chip M1 Pro oscillano tra i punteggi di 609 e 815. Cioè, viene confermato che se l’attività richiede la massima potenza per un lungo periodo di tempo, la mancanza di raffreddamento fa sì che il team “soffre” e non riesce a dare il meglio di sé con costanza.

Detto questo, insisto, il MacBook Air M2 nella stragrande maggioranza delle attività sarà più che sufficiente. Il team vola ed è più che possibile lavorare su grandi progetti, come l’editing video.

Per me la domanda sarà se scegliere 8, 16 o 24 GB di RAM. Secondo me, per la maggior parte delle persone, 16 GB di RAM sono la strada da percorrere.

Per riferimento, il banco di prova che Apple mi ha fornito ha 16 GB di RAM e 1 TB di spazio di archiviazione. Non è il top di gamma (visto che non arriva a 24 GB di RAM o 2 TV di storage), ma ho la dotazione con la GPU a 10 core.

Il nuovo display retina del MacBook Air M2

Il MacBook Air M2 viene fornito con un nuovo schermo. Apple lo chiama Liquid Retina Display. È leggermente più grande del MacBook Air M1 -13,6 contro 13,3 pollici-, con quasi la stessa risoluzione -2560 x 1664 contro 2560 x 1600-, ma con una luminosità maggiore: 500 nits quando prima era di 400 nits.

Apple è riuscita ad aumentare le dimensioni dello schermo riducendo i bordi. Ciò significa che per individuare la fotocamera e il sensore di luminosità è presente una piccola tacca. Sembra essere più grande del MacBook Pro 14/16” con M1 Pro/Max, ma ha esattamente le stesse dimensioni, è solo uno schermo leggermente più piccolo rispetto a quelle macchine.

Lo schermo non ha ProMotion, cioè quei 120 Hz che ora vediamo nel MacBook Pro 14/16” o nell’iPhone 13; tuttavia, ha la tecnologia True Tone. Per motivi pratici, e se provieni da un vecchio MacBook Air, questo schermo sembrerà enorme e molto luminoso. Con buon contrasto, equilibrato e ben calibrato.

Tastiera del computer

Una menzione speciale merita la tastiera del MacBook Air M2. Io, che utilizzo un MacBook Pro M1 Max da 14 pollici, sono innamorato del nuovo design della tastiera di Apple da mesi e questo è esattamente lo stesso. Tasti a grandezza naturale, linea completa di tasti funzione, con un tasto di ESC grande, come abbiamo sempre meritato. Addio alla TouchBar, ma mantiene il Touch ID nell’angolo in alto a destra, che viene utilizzato anche per avviare o spegnere il computer.

Per chi viene dalle tastiere con meccanismo a farfalla, è come entrare in un altro mondo, un’altra galassia, una dimensione parallela dove tutto funziona bene e dove si può rivivere il viaggio dei tasti. Apple è riuscita a perfezionare il “tradizionale” meccanismo a forbice ma in spazi ridotti. Se provieni dal MacBook Air M1 o dalle versioni successive del MacBook Air basato su Intel, che aveva già una tastiera decente, questo funziona ancora meglio.

E mi sembra che la tastiera dovrebbe avere una menzione a parte perché è ciò con cui interagiamo tutto il giorno quando siamo davanti a un laptop. È una periferica importante quanto il trackpad, ma è stata abusata per anni da Apple. Posso confermare che non è così.

I porti e il ritorno di MagSafe

Il connettore MagSafe ritorna anche sul MacBook Air, e questa è una buona notizia. È di nuovo molto comodo collegare e scollegare il cavo di ricarica. Inoltre, c’è la sicurezza aggiuntiva, ovvero se qualcuno tira il cavo, si stacca senza che il laptop si muova. Il meccanismo basato su magnete reso popolare da Apple ha salvato migliaia di persone dal vedere le loro apparecchiature cadere a terra quando inciampano nel cavo.

Quello che mi lascia perplesso è l’assenza di un lettore di schede SD. L’azienda ha anche deciso di non includere una porta HDMI, che è ancora particolarmente utilizzata in laptop come questo. Entrambe le cose sono tornate al MacBook Pro da 14 pollici o 16 pollici. Tuttavia, hanno deciso di mantenere solo due porte USB-C su questo modello. Inspiegabile.

L’evoluzione della più grande icona del laptop

Il MacBook Air M2 è l’evoluzione che ci aspettavamo dalla più grande icona dei laptop. Migliora in quasi tutto: è più leggero, più sottile e ha uno schermo migliore, che è anche più grande. È anche più potente, ma mantiene comunque 18 ore di durata della batteria. E per di più, ci danno una tastiera meravigliosa e il tutto in un nuovo design fantastico. Poche cose sono così belle come avere un dispositivo con queste caratteristiche, e così potente che difficilmente lo sentirai nello zaino.

Ma niente in questo mondo è perfetto, nemmeno pregare Saint Jobs è possibile e questo laptop non fa eccezione. La mancanza di HDMI, lettore di memory card SD e solo due porte USB-C mi sembra insufficiente.

D’altronde, e anche se penso che i prezzi dei prodotti siano un argomento molto soggettivo, tutte queste novità arrivano con un nuovo prezzo che non piacerà a tutti: da 1.519 euro, contro i 1.219 euro del MacBook Air M1. In Messico la situazione è simile: a partire da $ 29.999 pesos contro $ 29.999 per il MacBook Air M1.

⭐⭐⭐⭐⭐

Voto: 4,5 su 5.

Torna in alto