Apple

Qualcomm chiede il blocco delle vendite di iPhone 8 e iPhone X

L’infinita battaglia legale tra Apple e Qualcomm non sembra avere fine, infatti, il produttore di chip modem ha presentato una nuova accusa ad Apple per violazione di alcuni brevetti che aveva acquisito dalla ormai defunta Palm, chiedendo il blocco della distribuzione di iPhone 8 ed iPhone X.

Qualcomm nella citazione reclama la violazione di cinque brevetti, quattro dei quali appartenenti a Palm, ovvero l’azienda creata da alcuni ex-dirigenti e dipendenti Apple, poi venduta nel 2011 ad HP dove è poi deceduta. Il primo brevetto contestato da Qualcomm riguarda la tecnologia che gestisce l’interfaccia multitasking a schede creata da Palm, meccanismo grafico utilizzato da Apple in iOS 11.

Il secondo brevetto riguarda invece la tecnologia di messa a fuoco della fotocamera, in particolare il sistema basato sul toccare per mettere a fuoco. Mentre il terzo brevetto descrive una funzione di risposta alle chiamate in arrivo con un SMS. Ed il quarto rappresenta un pulsante di accensione che oltre ad accendere/spegnere il dispositivo, permette anche di silenziare le chiamate in arrivo e molto altro.

L’ultimo brevetto che è stato contestato da Qualcomm risale al 2012 e riguarda una serie di gesture che consento agli utenti di manovrare le immagini sullo schermo, come per esempio la funzione che permette di ingrandire o ridurre le finestre con il semplice gesto delle dita.

Molto probabile che quest’ulteriori sviluppi porteranno presto le due aziende ad un accordo comune, con il quale si possa superare la questione che è partita dalla volontà di Apple di non voler più pagare le royalties a Qualcomm per l’utilizzo di alcune sue tecnologie, dato che considerava gli accordi presi in precedenza troppo a favore di Qualcomm.

Fai click per commentare
Vai su