Notizie

Nel 2019 Vodafone, Nokia e Audi porteranno la rete 4G sulla Luna

In occasione della grande fiera tecnologica del Mobile World Congress di Barcellona, è stato annunciato un importante progetto: dopo 50 anni dallo sbarco del primo uomo sulla superficie lunare, nel 2019 si avrà la rete mobile 4G sulla Luna. Il tutto è frutto di un’importante collaborazione tra Vodafone, Nokia, Audi e la società spaziale tedesca PTScientists, che hanno presentato il loro fantastico progetto.

Quest’ultimo, rinominato “Mission to the Moon“, sarà finanziato privatamente e avrà come obiettivo quello di ridurre i costi di missione e soprattutto migliorare la comunicazione tra la Terra e la Luna: a partire dal 2019 con questa nuova tecnologia le comunicazioni avverranno in modo istantaneo, garantendo la ricezione di dati scientifici, immagini e video in alta definizione grazie alla banda di frequenza a 1800MHz. Lo streaming in diretta del paesaggio lunare sarà visibile a tutto il mondo e l’esplorazione comprenderà anche lo studio dei rover lunari Apollo 17 della NASA abbandonati sulla superficie lunare nel 1972.

Ad ogni azienda è stato affidato un compito ben preciso in questo progetto: Nokia creerà una rete ultra compatta che peserà pochissimi grammi, quanto una bustina di zucchero, e sarà la più leggera mai sviluppata; Vodafone alimenterà la tecnologia creata da Nokia con la sua rete 4G ed Audi costruirà due rover “Lunar Quattro” che esploreranno la superficie lunare ed utilizzeranno la rete mobile per comunicare con la navicella spaziale privata Alina di PTScientists con cui i rover saranno trasportati sulla Luna. Infine Alina provvederà ad inviare tutto il materiale alla stazione aerospaziale berlinese.

SpaceX lancerà quest’apparecchiatura a bordo del proprio razzo Falcon 9 il prossimo anno dalla Florida (precisamente da Cape Canaveral) diretto sulla Luna. “Affinché l’umanità lasci la culla della Terra, dobbiamo sviluppare infrastrutture al di là del nostro pianeta” ha affermato Robert Böhme, CEO della società di Berlino, ottimista sulla realizzazione di questo ambizioso progetto.

Fai click per commentare
Vai su