Perché il telefono ha improvvisamente smesso di caricarsi

Capita spesso che quando si collega lo smartphone all’alimentazione, il telefono non si carica. Ma è un problema di questo componente, del caricabatterie o è un guasto del terminale stesso? Prima di trarre la peggiore conclusione possibile, dovresti sapere che, nella stragrande maggioranza dei casi, il problema nella ricarica della batteria del cellulare è dovuto a un motivo che di solito ha una soluzione abbastanza semplice.

Possono verificarsi diversi problemi, come il caricabatterie che ha una piccola rottura nella filettatura del cavo di ricarica, un problema nella porta di ricarica del telefono o un guasto alla batteria. Pertanto, ti insegneremo a identificare la radice del problema. Quindi esamineremo una serie di passaggi per sapere cosa fare se il cellulare non riconosce il caricabatterie o se non si carica correttamente.

Non disperare e lascialo caricare

Se il tuo cellulare non si carica ed è completamente scarico, può succedere che non risponda quando lo colleghi al caricabatterie. E devi sapere che se provi continuamente ad accenderlo, ci vorrà solo più tempo per mostrare segni di vita. Quindi sii paziente e lascia perdere per un po’, poiché gli smartphone hanno un sistema di protezione che ne blocca l’utilizzo per evitare che la batteria raggiunga lo zero percento di carica reale.

Com’è possibile? Perché, tecnicamente, quando il nostro dispositivo si spegne non significa che la batteria si esaurisce, visto che in realtà ha ancora dei mAh. Nel caso in cui fosse davvero insufficiente, devi essere consapevole che questo componente potrebbe aver subito danni irreversibili.

Per questo motivo consigliamo di attendere almeno tra i venti e i trenta minuti per verificare se finalmente si riaccende. Ciò è fondamentalmente dovuto al fatto che la batteria non sarà in grado di accendersi fino a quando non sarà stata caricata oltre un certo limite. Se dopo quel tempo non mostra segni, prova a lasciarlo per qualche ora in più.

Anche se forse la soluzione è calibrare la batteria. In molte occasioni, ci vorrà più tempo se non è calibrato. Per raggiungere questo obiettivo è necessario seguire questi passaggi:

  1. Collega il cellulare al caricabatterie fino a quando la carica non raggiunge il massimo. Anche se è meglio lasciarne qualcuna in più.
  2. Al termine, scollegalo e utilizzalo fino a quando l’alimentazione non si scarica e lo smartphone si spegne.
  3. Successivamente, lascia il cellulare senza addebito per 5-6 ore (puoi approfittare di una notte). In questo modo si elimina qualsiasi tipo di carico residuo.
  4. Dopo aver atteso, ricollegalo alla presa e lascia che si riempia completamente. Quindi controlla se raggiunge il livello massimo.

È colpa del caricabatterie o della spina?

Uno dei problemi più comuni è che il cavo USB con cui colleghiamo il nostro smartphone è danneggiato e non si vede esattamente dove si trova. Questo succede nella maggior parte dei casi perché siamo abituati a portarlo ovunque, lo arrotoliamo o lo pieghiamo male e con il tempo si deteriora.

Quindi supponiamo che sia colpa del nostro caricabatterie mobile. Cosa dovremmo fare? La prima cosa che dobbiamo fare è caricare un altro dispositivo diverso utilizzando lo stesso caricabatterie. Nel caso di dare risposte, questo potrebbe non essere il problema. Se non funziona, prova un altro caricabatterie con caratteristiche simili che hai in casa. In caso di lavoro, significherebbe che è ora di acquistarne uno nuovo perché il nostro è rotto.

Infine, possiamo fare il test in un’altra presa, perché in molte occasioni non ce ne siamo accorti e non funziona. Quindi, collega il tuo telefono al computer tramite lo stesso cavo USB che usi sul caricabatterie. Se nel tuo caso non possono essere separati, usa un altro cavo che hai a casa. Puoi anche assicurarti che altri dispositivi si accendano o si colleghino alla stessa presa, in modo da poter escludere le opzioni. A volte è la spina stessa ad essere danneggiata e impazziamo cercando di riparare il cellulare quando non succede nulla.

Prova altri tipi di carico

Uno dei primi colpevoli che ci viene in mente quando si pensa alla radice del nostro problema sarà il caricatore, il cavo di ricarica o la porta.

Una delle domande che ci aiuterà molto a scoprire se il problema è che il nostro cellulare non si carica e quindi è un problema software o è un problema con la porta o il nostro cavo. Per questo siamo attualmente fortunati che la tecnologia stia avanzando a passi da gigante e abbiamo un numero enorme di telefoni che includono la ricarica wireless o nel caso in cui tu abbia uno degli ultimi iPhone, puoi provare la porta MagSafe.

Se il nostro telefono lo consente e abbiamo anche un caricabatterie wireless a portata di mano, proviamo ad utilizzare questo tipo di carica e se il nostro terminale si carica correttamente, possiamo iniziare ad eliminare alcuni possibili problemi come un guasto in uno dei componenti del nostro telefono che impedivano il corretto caricamento degli stessi. Da qui non ti resta che esaminare a dovere la porta di ricarica del tuo telefono o il cavo di ricarica, perché sicuramente il problema sta proprio lì.

Pulire la porta di ricarica

Dopo aver provato le seguenti opzioni che ti forniremo in seguito, verificheremo che la porta USB dello smartphone sia a posto. Poiché il connettore di ricarica è una parte fondamentale di questo elemento interno, e se presenta difetti o danni, potrebbe causare una carica non corretta della batteria. Pertanto, l’unica cosa che possiamo fare da soli è rimuovere con cura lo sporco.

Ma quanta influenza ha lo sporco? La risposta è molto, poiché siamo abituati a portare i cellulari nelle tasche, nelle borse o negli zaini, luoghi dove la polvere potrebbe bloccare la connessione. Per poterlo pulire bene, soffia o inserisci qualche oggetto fine per eliminare lo sporco che potrebbe essersi accumulato sul fondo dell’apertura. Se ricolleghi il terminale e continua a non caricarsi, non preoccuparti, il problema potrebbe essere qualcos’altro.

Controlla l’adattatore

C’è anche la possibilità che non sia colpa del cellulare o del caricabatterie. Pertanto, dovremmo assicurarci che l’adattatore alla corrente che abbiamo non sia danneggiato. Per verificarlo, dovremo solo collegare il cavo USB al telefono a un’estremità e al computer all’altra estremità.

Se riconosce il dispositivo e tutto funziona normalmente, il problema è nell’adattatore, poiché è normale che vengano danneggiati dall’uso, dal surriscaldamento o semplicemente ne stiamo usando uno che non è di ottima qualità e la sua vita utile è molto più breve.

Potrebbe essere un problema con il telefono o la batteria

Nel caso in cui l’errore non sia da parte dell’alimentatore o del cavo di ricarica, purtroppo la radice del problema è nel nostro telefono. Pertanto, ti mostreremo altri due casi possibili: la vita utile di questo componente è giunta al termine, ovvero la batteria del cellulare non funziona o, inoltre, potrebbe essere colpa del telefono stesso.

Controlla lo stato di salute

Purtroppo per noi questi componenti si degradano nel corso degli anni e sarà ancora peggio se non carichiamo correttamente il nostro terminale, poiché, oltre a durare meno ore, possono anche darci diversi problemi durante la ricarica. Sarà molto facile controllare lo stato della batteria se il tuo telefono ha una cover rimovibile, anche se non è più normale.

Una volta fatto, dovrai solo controllare se la batteria è gonfia. Nel caso in cui lo sia, sì o sì, è giunto il momento di doverlo cambiare.

Se vuoi sapere qual è lo stato di salute della batteria, ti consigliamo di scaricare una delle tante applicazioni che troviamo all’interno di Google Play. Tuttavia, puoi utilizzarne uno creato appositamente per vedere la velocità di ricarica e altri dettagli di questo componente del telefono:

Scarica: informazioni sulla batteria

Aggiorna cellulare

Un’altra opzione, che è anche più comune di quanto sembri quando il telefono non si carica, è il fatto che alcuni dei suoi componenti al suo interno sono stati danneggiati.

Molte volte può capitare che abbiamo lasciato cadere il nostro cellulare e all’inizio sembra che tutto sia in ordine, ma senza saperlo abbiamo danneggiato qualche connettore del circuito interno o anche qualche piccola parte che deve essere cambiata. Quindi la nostra alternativa sarà quella di rivolgerci a un servizio tecnico.

Sebbene, in altre situazioni, l’errore potrebbe essersi verificato a causa del software del telefono. Quindi dobbiamo verificare se abbiamo un aggiornamento in sospeso. Per fare ciò, vai su:

  1. Impostazioni app
  2. Menu Sistema o Informazioni sul telefono
  3. Accedi alle opzioni di Aggiornamenti Android

Ripristina lo smartphone

Se nel tuo caso ha iniziato a darti problemi dopo aver installato una nuova versione, è meglio ripristinare il telefono. Ovviamente, per poterlo fare, il dispositivo deve avere almeno il 30% di batteria, quindi se il tuo telefono non si carica, ti sconsigliamo di eseguire questo passaggio per evitare grossi problemi.

Se si dispone di un livello di autonomia sufficiente, l’opzione migliore è lasciare il cellulare come nuovo, ma prima di fare un backup di tutti i dati mobili in modo da non perdere nulla. Salva foto, video e altri contenuti su un’unità esterna o sul tuo computer e esegui il backup di Google Drive delle tue app e credenziali.

Quindi vai su:

  1. Apri di nuovo l’app Impostazioni
  2. Vai in Opzioni di sistema
  3. Seleziona le Opzioni di ripristino
  4. Fai clic su Elimina tutti i dati (sebbene questi passaggi possano variare a seconda del livello di personalizzazione dello smartphone, nonché della versione Android).
  5. Facendo clic su tale opzione, conferma l’opzione e inserisci la password del terminale per iniziare a funzionare

Dopo aver terminato il processo e acceso lo smartphone rinnovato, non devi nemmeno aspettare per configurare il tuo smartphone. Quello che devi fare è ricollegare il cellulare al caricabatterie e controllare se ora si carica. In caso contrario, hai solo la possibilità di eseguire la garanzia mobile o, se è già scaduta, di rivolgerti al supporto tecnico.

Torna in alto