Perché Google Chrome utilizza tanta RAM? Ecco come risolvere

Se hai fatto qualche ricerca su browser diversi, hai familiarità con il fatto che Chrome può essere un po ‘un mascalzone di risorse.

Dai un’occhiata al tuo Task Manager o Activity Monitor e vedrai spesso Chrome in cima all’elenco.

Ma perché Chrome utilizza così tanta RAM, soprattutto rispetto ad altri browser? E cosa puoi fare per tenerlo sotto controllo?

Ecco come fare in modo che Chrome utilizzi meno RAM.

Google Chrome utilizza davvero più RAM?

Diversi anni fa, l’unica risposta era Sì. La reputazione affamata di RAM di Google Chrome era ben nota.

Tuttavia, le modifiche a Google Chrome hanno migliorato l’utilizzo della memoria dei browser, soprattutto rispetto ad altri browser popolari.

A volte, Mozilla, Edge, Opera e Safari utilizzano tutti più RAM di Chrome.

Come faccio a saperlo? Ho eseguito un breve test, aprendo una pagina Facebook, un video di YouTube, il sito web della BBC Sport e Twitter in un browser pulito.

I risultati ti interesseranno.

i browser più diffusi utilizzano la ram

C’è Google Chrome, seduto felicemente nel mezzo degli altri browser.

Certo, questo è aneddotico e ci sono prove più che sufficienti che Chrome consuma più RAM rispetto ad altri browser.

Se hai mai eseguito il test di utilizzo della RAM del tuo browser, è molto probabile che tu abbia trovato Chrome che utilizza più RAM rispetto ad altri browser.

Google Chrome è assolutamente uno dei browser più veloci, ma ha bisogno di molta RAM per prendere quel titolo.

Perché Google Chrome utilizza così tanta RAM?

“Aw, Snap! Google Chrome ha esaurito la memoria durante il tentativo di visualizzare questa pagina web.”

Questo è il messaggio che vedi quando Chrome esaurisce la memoria. Per capire perché Chrome utilizza così tanta memoria, devi capire come funzionano i browser più moderni.

Ogni app sul tuo computer esegue processi nella RAM del tuo computer, dove si svolge il duro lavoro di eseguire il tuo computer.

La RAM è una memoria temporanea per tutti i tipi di dati ed è molto veloce.

La tua CPU può accedere ai dati contenuti nella RAM del tuo sistema molto più velocemente di un disco rigido o persino di un SSD.

processi di Chrome del task manager di Windows

Chrome, Firefox, Opera e Microsoft Edge archiviano ogni scheda, plug-in ed estensione in un processo RAM diverso.

Questo processo è chiamato isolamento e impedisce a un processo di scrivere su un altro.

Pertanto, quando apri Task Manager o Activity Monitor, Google Chrome mostra più voci.

Se guardi da vicino, puoi vedere che ogni processo utilizza solo una piccola quantità di RAM, ma il carico è molto alto quando li aggiungi.

In che modo Google Chrome gestisce la RAM?

Browser come Chrome gestiscono la RAM in questo modo per offrire una migliore stabilità e velocità più elevate.

Ma Chrome utilizza ancora molta RAM. Almeno, in molti casi, sembra utilizzare più RAM rispetto ad altri browser. Ecco una breve spiegazione su come Chrome gestisce la RAM.

Il motivo principale per eseguire ogni processo separatamente è la stabilità. Eseguendo ogni processo separatamente, se uno si arresta in modo anomalo, l’intero browser rimane stabile.

A volte, un plug-in o un’estensione non riesce, richiedendo di aggiornare la scheda. Se tutte le schede e le estensioni sono state eseguite nello stesso processo, potrebbe essere necessario riavviare l’intero browser anziché una singola scheda.

Lo svantaggio è che alcuni processi che i browser a processo singolo possono condividere tra le schede devono essere replicati per ciascuna scheda in Chrome.

La suddivisione in più processi comporta anche vantaggi in termini di sicurezza, simili al sandboxing o all’utilizzo di una macchina virtuale.

browser a processo singolo vs browser a più processi

Ad esempio, se si verifica un attacco JavaScript in una scheda, non c’è modo di passare a un’altra scheda all’interno di Chrome, cosa che potrebbe accadere in un browser a processo singolo.

Alla quantità di utilizzo della RAM in Chrome si aggiungono plug-in ed estensioni.

Ogni plug-in o estensione che aggiungi a Google Chrome richiede risorse per l’esecuzione. Più estensioni hai installato, più RAM deve essere eseguita da Chrome.

Il pre-rendering è un esempio notevole. Il pre-rendering consente a Chrome di iniziare a caricare una pagina web che prevede si andrà alla prossima (potrebbe essere il primo risultato di ricerca di Google o il link “pagina successiva” su un sito di notizie).

Il processo di pre-rendering richiede risorse e quindi utilizza più RAM. Ma velocizza anche la tua esperienza di navigazione, soprattutto per i siti visitati di frequente.

Il rovescio della medaglia è che se c’è un bug con il processo di pre-rendering, può utilizzare più RAM di quanto potresti aspettarti, rallentando altre aree del tuo computer o rendendo la scheda del browser non rispondente.

Utilizzo della RAM di Chrome su dispositivi hardware limitati

Chrome ha alcune risposte per l’utilizzo della RAM su dispositivi a bassa potenza o dispositivi con hardware limitato.

Tuttavia, la regola generale è che quando Chrome viene eseguito su hardware compatibile, funzionerà utilizzando il modello di processi spiegato in precedenza.

Considerando che, quando Chrome viene eseguito su un dispositivo con meno risorse, Chrome si consoliderà in processi singoli per ridurre l’ingombro complessivo della memoria.

L’utilizzo di un unico processo consente una riduzione delle risorse ma comporta il rischio di instabilità del browser.

Inoltre, Chrome è a conoscenza di quanta memoria sta utilizzando. Non sta mangiando in modo insensato ogni bit di RAM che riesce a trovare.

Chrome limita il numero di processi che può avviare a seconda dell’hardware del tuo sistema.

È un limite interno, ma una volta raggiunto, Chrome passa alle schede in esecuzione dallo stesso sito in un unico processo.

Gli aggiornamenti tentano di impedire a Chrome di occupare memoria

Alla fine del 2020, gli sviluppatori di Google Chrome hanno annunciato che avrebbero introdotto una funzione di risparmio RAM nota come “PartitionAlloc Fast Malloc”.

Senza approfondire gli aspetti tecnici della funzionalità, PartitionAlloc dovrebbe impedire a ogni singolo processo di consumare più del 10 percento della memoria totale del sistema.

Il miglioramento arriva dopo che Microsoft è riuscita a ridurre l’utilizzo della RAM nel Browser Edge basato su Chromium utilizzando “Segment Heap”, un altro miglioramento dedicato alla riduzione dell’utilizzo della memoria del browser.

Nel marzo 2021, con il rilascio di Chrome 89, PartionAlloc è stato pubblicato. Google afferma che la funzione riduce l’utilizzo della memoria in Windows a 64 bit di oltre il 20%, con un’ulteriore riduzione dell’8% dell’utilizzo della memoria attraverso il rendering.

Il cambiamento è notevole. Se stai utilizzando una qualsiasi versione di Chrome dalla versione 89 in poi (Chrome 101 è l’ultima versione al momento della scrittura), il tuo browser scarterà la vecchia memoria più velocemente, riducendo il sovraccarico della RAM e la reputazione di Chrome come un divoratore di memoria con esso.

L’utilizzo della RAM di Google Chrome è un problema?

Di quanta RAM ha bisogno Chrome? C’è un limite alla quantità di RAM che Chrome utilizzerà prima che diventi un problema? La risposta sta nell’hardware del tuo sistema.

Solo perché Chrome utilizza molta RAM non significa che stia necessariamente causando un problema. Se il tuo sistema non utilizza la RAM disponibile, non ti sta facendo bene; il tuo computer utilizza solo la RAM per accedere rapidamente ai dati e velocizzare l’elaborazione.

Se stai mantenendo la tua RAM il più chiara possibile, non stai sfruttando la potenza del tuo computer.

Gestione attività dei servizi di Windows 10 Chrome

Proprio come su uno smartphone, cancellare i processi in esecuzione e la RAM potrebbe rallentare le cose a lungo termine.

Chrome utilizza troppa memoria

Tuttavia, se Chrome utilizza troppa memoria, potrebbe trasformarsi in un problema.

Quando Chrome utilizza troppa memoria, limita la quantità disponibile per altri programmi.

Chrome potrebbe anche iniziare a faticare a mantenere le informazioni importanti dal tuo browser disponibili per un rapido accesso, annullando l’uso della RAM per cominciare.

In definitiva, l’utilizzo della RAM di Chrome è un problema solo se rallenta il tuo computer, che si tratti del tuo browser o dell’intero sistema.

Se vedi Chrome che utilizza molta memoria, ma non ci sono conseguenze negative sulle prestazioni, non vale la pena preoccuparsi.

Ad esempio, a volte ho 50 o più schede di Chrome aperte, utilizzando 2,5 GB di RAM o più.

Sembra una quantità enorme, ma il mio sistema ha 32 GB di RAM da utilizzare, quindi non è un problema. Prova lo stesso su un laptop con 4 GB di RAM e ti divertirai.

Se l’utilizzo della memoria di Chrome sta rallentando le cose, è tempo di agire.

Come fare in modo che Chrome utilizzi meno RAM

Esistono diversi modi per velocizzare la tua esperienza di navigazione e ridurre la quantità di RAM utilizzata da Chrome. Lo strumento più importante a tua disposizione è Chrome Task Manager.

gestore di attività di Chrome

Simile al Task Manager di Windows, il Task Manager di Chrome mostra le prestazioni e il consumo di ciascuna scheda ed estensione all’interno del browser.

Puoi utilizzare Chrome Task Manager per capire cosa sta utilizzando più memoria, quindi chiuderli per liberare spazio.

In Windows, premi Maiusc + Esc per accedere al Task Manager. Su un Mac, dovrai aprirlo dal menu Finestra. Seleziona il processo, quindi premi Termina processo.

Cerca le schede e le estensioni che sono aumentate di dimensioni. A volte, una singola scheda di Chrome può utilizzare molta memoria a causa di un bug o di una configurazione scadente. A volte, una perdita di memoria di Chrome causa il blocco del browser (o anche dell’intero sistema).

Una volta che hai eliminato i processi pesanti in termini di risorse, ci sono alcune altre cose che puoi fare correggere frequenti arresti anomali di Chrome.

Gestisci plugin ed estensioni per risparmiare memoria di Chrome

Puoi disabilitare le estensioni che consumano molta energia. In alternativa, puoi impostarli in modo che si attivino solo quando utilizzi un sito specifico.

Fare clic con il pulsante destro del mouse sull’estensione e selezionare Gestisci estensioni. Modifica “Consenti a questa estensione di leggere e modificare tutti i tuoi dati sui siti Web che visiti” su Al clic o Su siti specifici.

Se hai molte estensioni che usi per cose diverse, prendi in considerazione l’installazione di un gestore di estensioni rapido.

SimpleExt Manager aggiunge una piccola casella a discesa accanto al vassoio di estensione. Quindi è un clic per attivare e disattivare tutte le estensioni.

Installa le estensioni di gestione delle schede di Chrome per ridurre l’utilizzo della memoria

L’installazione di più estensioni per gestire i problemi di utilizzo della RAM di Chrome sembra controintuitivo, soprattutto dopo tutti i problemi di cui hai appena letto.

Alcune estensioni sono progettate specificamente pensando alla gestione della RAM, aiutandoti a personalizzare il modo in cui Chrome gestisce e scarta le schede che non stai più utilizzando.

Per esempio, Il Grande Dispersore ti consente di personalizzare la frequenza con cui Chrome scarta le schede inutilizzate.

Chrome elimina le schede quando non sono in uso per risparmiare memoria. Con The Great Discarder, puoi modificare la durata, specificare le schede da non scartare e così via.

la grande scheda delle opzioni del browser degli scarti con l'icona

Google Chrome utilizza troppa memoria?

Chrome è il browser dominante a livello globale. Browser alternativi come Firefox e Opera possono utilizzare una quantità di memoria simile a quella di Chrome, quindi il passaggio non è sempre l’opzione migliore.

Se Chrome utilizza troppa memoria sul tuo sistema, ma vuoi rimanere all’interno dell’ecosistema Chromium (in modo che le tue estensioni e le tue app continuino a funzionare), prendi uno sguardo a Microsoft Edge che sembra utilizzare leggermente meno RAM.

Ci sono anche altri problemi in gioco. Ad esempio, YouTube utilizzava una libreria obsoleta che rendeva il servizio fino a cinque volte più lento su Firefox e Opera, utilizzando molte più risorse del necessario.

Questo particolare problema è stato ora corretto, ma fornisce un esempio di come il leader del mercato dei browser e il proprietario dei principali servizi online possono influenzare l’utilizzo delle risorse nel mercato.

Se vuoi continuare con Chrome, fallo. È un browser sicuro e veloce con migliaia di estensioni eccellenti e uno che sta attivamente tentando di ridurre l’utilizzo della memoria.