Peccato: Epson ha programmato la fine del ciclo di vita delle sue stampanti

Immagina di acquistare una stampante Epson e quella stampante completamente funzionante decide che non funziona più.

Praticamente nessun prodotto tecnologico ha rivelato pratiche di vendita così dannose come quelle dei produttori. Ma le recensioni dei clienti non sono un motivo per i produttori di stampanti. Dopo le cartucce Canon vendute con DRM, Epson disabilita le stampanti completamente funzionanti.

“Una parte della tua stampante ha raggiunto la fine del suo ciclo di vita”

Lo scenario è stato descritto da molti clienti, la stampante fa le fusa felicemente tra sé e sé. Quindi viene visualizzato un messaggio di errore: “Una parte della stampante ha raggiunto la fine del suo ciclo di vita”. Come riporta Fighttorepair, il produttore giapponese ha programmato un fine vita nel software di alcuni modelli delle sue stampanti a getto d’inchiostro. In breve: è l’obsolescenza programmata causata da un programma. Tra i modelli interessati, L130, L220, L310, L360 e L365.

Diventa ancora più assurdo quando guardi da vicino quale componente è interessato. Il messaggio viene attivato perché una spugna di inchiostro ha catturato l’inchiostro in eccesso dalla stampante. Tuttavia, la potenziale “perdita” è qui monitorata da un semplice contatore. Una volta registrato il numero di stampe determinato da Epson, la stampante viene automaticamente disabilitata, indipendentemente dallo stato della spugna d’inchiostro. A titolo informativo, le stampanti a getto d’inchiostro hanno due tipi di spugne. Uno è nella cartuccia e l’altro è un assorbitore di inchiostro.

Mia moglie è molto cara @Epson America la stampante ha appena dato un messaggio dicendo che aveva raggiunto la fine della sua vita di servizio e ha proceduto alla muratura stessa. A quanto pare può pagare per ripararlo o comprarne uno nuovo anche se funzionava bene. Oltraggioso!

— Mark Tavern (@marktavern) 22 luglio 2022

Quindi, cosa succede se la stampante si rifiuta di funzionare? Puoi semplicemente sostituire la spugna dell’inchiostro, è una delle parti più economiche. Epson ha pubblicato un articolo di supporto, in cui si scopre che è possibile una riparazione. Tuttavia, è anche scritto che una tale riparazione non varrebbe la pena. Fortunatamente, la community ha creato molti contenuti per aiutare i consumatori a risolvere questo problema senza dover acquistare una nuova stampante.

Epson offre anche un software di utilità per Windows, che consente di “reimpostare” la stampante per continuare a utilizzarla per un tempo apparentemente molto limitato.

L’industria delle stampanti è ancora sorprendente. Per quanto i prodotti siano piuttosto noiosi dal punto di vista tecnologico, i produttori di stampanti possono sorprenderci. L’anno scorso vi abbiamo parlato della storia delle stampanti multifunzione Canon che si rifiutano di eseguire la scansione quando uno dei serbatoi d’inchiostro è vuoto. Una pratica detestabile che ha generato una class action negli Stati Uniti.

Torna in alto