Meloni: “Mi aspetto che ci si ringrazi per il lavoro che abbiamo fatto”

La leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, è stata ospite questa mattina in collegamento telematico con SkyTG24 e ha spiegato dal suo punto di vista la situazione sul MES e su altre questioni importanti di cui si sta discutendo in questi giorni.

Commentando la vicenda relativa al MES (in fondo all’articolo il video integrale), le parole della senatrice sono state le seguenti:

“Sono assolutamente d’accordo con Salvini che questo dibattito spetti al parlamento. Cosa il presidente Conte abbia l’autorizzazione a firmare e cosa no, in una nazione normale lo decide il parlamento. In una nazione normale su un tema così sensibile come il problema dell’utilizzo del fondo Salva-Stati, che porta con sé dei rischi enormi, ogni partito va in parlamento e mette la faccia sulle sue decisioni. Non si può dire, come fa Giuseppe Conte, che non si lavora con il favore delle tenebre e poi rifiuta la chiarezza di un voto parlamentare. I Fratelli d’Italia non vogliono il MES.”

La leader di FdI ha parlato anche del rapporto con l’Europa. Nell’intervista ha dichiarato:

“A me pare che l’Italia non abbia chiaro di quale sia il suo potere contrattuale in questo momento, perché ora noi decidiamo se esiste l’Europa perché un’Europa senza Gran Bretagna e senza Italia è solo una grande Germania, che schiaccia anche la Francia. Chiediamo che l’Europa si comporti da soggetto comune.”

Infine, non è mancato anche questa volta un riferimento al presidente del Consiglio. Giorgia Meloni ha così continuato:

“Se Conte decide di essere coerente, noi lo sosterremo. Ho sentito dire da Giuseppe Conte che noi abbiamo indebolito la trattativa europea, è l’esatto contrario. Se oggi Conte può andare a consiglio europeo e puntare i piedi è grazie al lavoro che noi abbiamo fatto, è grazie al fatto che lui può dire che c’è una forte opposizione interna in Italia, che c’è una forte sensibilità del popolo italiano contro l’utilizzo del fondo salva-Stati a favore degli Eurobond quindi mi aspetto che ci si ringrazi per il lavoro che abbiamo fatto”