Manca ancora il popolare influencer cinese la cui trasmissione è stata interrotta dal governo |

Un mese fa, l’influencer cinese Austin Li ha interrotto una trasmissione in diretta dopo che un gelato a forma di serbatoio è apparso sullo schermo.

Sebbene in seguito abbia spiegato che si trattava di un problema tecnico, si ritiene che siano stati i censori del governo cinese a vedere un riferimento all’anniversario delle proteste e del massacro di piazza Tienanmen avvenuto solo 33 anni prima.

Secondo alcune stime, nel 1989, gli studenti hanno tenuto manifestazioni a favore della democrazia in piazza Pechino, iniziate il 15 aprile e terminate il 4 giugno, quando le truppe hanno aperto il fuoco uccidendo migliaia di manifestanti disarmati.

Ad oggi, la questione è molto delicata in Cina. Le informazioni sul massacro sono state cancellate dai libri di storia e i post vengono regolarmente rimossi da Internet come parte del cosiddetto “Great Firewall”, l’enorme rete cinese di censura online.

Molti hanno ipotizzato che il 30enne Li non fosse a conoscenza del significato del carro armato, dal momento che i cinesi nati dopo il massacro ne sanno poco, poiché non sono disponibili documenti.

Li aveva più di 60 milioni di follower su Taoba, una piattaforma online di proprietà di Alibaba, rendendolo lo streamer più popolare del momento. Per mettere in prospettiva la sua enorme influenza, una volta ha venduto 15.000 rossetti in soli cinque minuti nel 2018, guadagnandosi il soprannome di “Re dei rossetti”.

Non è noto se Li sia stato arrestato. Il suo account rimane attivo, ma da quel giorno non ha trasmesso in streaming live o pubblicato nulla sui social media.

Questa tattica del governo cinese non è nuova. Alla fine del 2021, lo streamer con più followers, Huang Wei (noto come Viya online), e il terzo con più followers, Zhu Chenhui (noto come Cherie), sono stati multati di milioni di euro per evasione fiscale da parte di un ente locale. a Hangzhou (Cina).

Anche dopo che ciascuno si è scusato pubblicamente, i loro account Taobao e altri social media sono scomparsi. Non trasmettono mai più in diretta.

Questi imperi online sono stati rovesciati dall’oggi al domani in quella che sembra essere una repressione del governo che risale alla fine del 2021. Il destino dei principali influencer è un chiaro segno che l’e-commerce in live streaming non può sfuggire al controllo del governo.

La caduta di questi mega-influencer significa un rimpasto di potere all’interno del settore, poiché il denaro e l’attenzione che hanno creato potrebbero essere sottratti a quelli più piccoli.

Torna in alto