Lo zio di Silvia Romano: “Le brucio il passaporto”

Silvia Romano
Silvia Romano arriva in Italia

Lo zio di Silvia Romano, Alberto Fumagalli, ha avuto un contatto telefonico con la trasmissione La vita in diretta in onda su Rai1. Il parente della cooperante milanese, liberata dopo 18 mesi, ha detto la sua in merito a tutte le voci che si stanno diffondendo incessantemente.

Innanzitutto, ci ha tenuto a specificare che Silvia non è incinta come in molti hanno pensato e poi ha parlato del periodo del rapimento.

“Lei è stata inquadrata e addestrata, quelli sono esperti, le hanno fatto il lavaggio del cervello. Le avranno anche dato delle droghe. L’avranno anche drogata. Avendola sentita, non parla neanche nello stesso modo di prima. Non è lei che vuole farsi chiamare Aisha, e questo non l’ha mai detto. Di certo non tornerà più la Silvia che era”.

Inoltre, su un determinato punto lo zio è stato durissimo, ovvero quello del ritorno in Africa. Dalle indiscrezioni sembra infatti che Silvia abbia manifestato l’intenzione di tornare lì. Ecco le parole dello zio:

“Nessuno la fa tornare in Africa, penso. Il passaporto glielo brucio io, così vediamo se torna in Africa”