L’Apple Car sarebbe autonoma al 100% e non avrebbe volante né pedali, ma il suo sviluppo sta affrontando problemi

L’Apple Car è il prodotto in continua evoluzione dell’azienda di Cupertino. Dopo anni di sviluppo, il noto progetto Titan è ancora in un processo che si sta rivelando più intricato del previsto.

Così racconta The Information adesso, in un reportage esclusivo che ripercorre gli ultimi 8 anni di sviluppo di questo progetto attraverso interviste a persone che ne hanno fatto parte.

Scetticismo e problemi nello sviluppo dell’Apple Car

Secondo il suddetto mezzo, uno dei fatti forse più sorprendenti è l’apparente scetticismo e distanziamento che c’è nel progetto da parte dei due registi con più risonanza in Apple: Craig Federighi, VP of Software, e lo stesso Tim Cook, AMMINISTRATORE DELEGATO.

Gli ex dipendenti affermano che Cook supervisiona il progetto da lontano, “visitando raramente” il centro in cui è in fase di sviluppo. Il progetto che è stato costantemente suggellato dalla fuga di figure chiave e dai cambiamenti nella forza lavoro, qualcosa che ha portato a una situazione in cui manca qualcuno che “può definire chiaramente e articolare quale dovrebbe essere il prodotto”.

A causa dei suoi continui problemi, defezioni e cambi di rotta, il progetto Titan sarebbe diventato oggetto di scherno in altri team all’interno di Apple.

Il software Apple Car non è riuscito a riconoscere un pedone su un passaggio pedonale

Per quanto riguarda lo sviluppo stesso, i test sembrano aver offerto risultati contrastanti negli ultimi tempi. Sebbene il sistema di guida autonoma di Apple Car abbia funzionato in ambienti controllati e su determinati percorsi definiti, non ha funzionato in ambienti reali e non mappati.

In una delle situazioni più gravi, verificatasi all’inizio di quest’anno, uno dei veicoli di prova del software Apple Car ha quasi colpito un pedone alle strisce pedonali. Invece di fermarsi, il veicolo si è limitato a “regolare la sua traiettoria” in modo da raggiungere il pedone se non fosse stato per il conducente di sicurezza a bordo, che ha azionato i freni.

Un design futuristico per l’Apple Car

Una delle grandi incognite dell’Apple Car è il design che un’azienda come l’azienda tecnologica di Cupertino, riconosciuta per l’enfasi speciale su questo aspetto in tutti i suoi prodotti, le darà.

Jonny Ive, capo progettista di Apple per quasi tre decenni fino alla sua partenza nel 2019, continua a collaborare con l’azienda e ha offerto consulenza sulla progettazione dei veicoli. Come riprende il rapporto, Ive avrebbe consigliato al team di progettazione di “abbracciare la stranezza del design del veicolo e di non cercare di nascondere i suoi sensori”.

Nuovo CarPlay in iOS 16.

L’auto avrebbe quattro posti uno di fronte all’altro in un ampio spazio interno dove i passeggeri potevano parlare tra loro. Qualcosa possibile perché non avrebbe volante o pedali. Grazie a ciò, potrebbero essere inclusi anche grandi schermi e la possibilità di ribaltare completamente i sedili per dormire. Il design del tetto sarebbe curvo, ricordando leggermente un Maggiolino Volkswagen.

Apple sta attualmente discutendo su come camuffare il design finale per i test su strada del prossimo anno. Il veicolo potrebbe diventare realtà nel 2025.