La rete di localizzazione SmartThings Find di Samsung ha superato i 200 milioni di partecipanti

Più di 200 milioni di dispositivi sono già stati collegati alla rete di posizionamento SmartThings Find di Samsung, informa l’azienda.

Samsung ha introdotto la sua rete di localizzazione SmartThings Find alla fine del 2020. La rete sfrutta l’aiuto della community Samsung per individuare i dispositivi smarriti o smarriti, aiutando gli utenti a trovare il proprio smartphone, laptop, tablet o qualsiasi dispositivo in generale.

In meno di due anni, più di 200 milioni di dispositivi sono già stati collegati alla rete SmartThings Find e, secondo Samsung, è uno dei servizi in più rapida crescita dell’azienda.

La rete SmartThings Find aiuta gli utenti a trovare quasi un milione di dispositivi smarriti ogni giorno, afferma Samsung.

Il principio di funzionamento della rete di posizionamento è praticamente molto semplice. Quando l’utente perde il suo smartwatch, ad esempio, può provare a localizzarlo con il servizio SmartThings Find. Se l’orologio è caduto, ad esempio, nella fessura del divano della biblioteca, il proprietario riceverà una notifica della posizione dell’orologio quando un altro utente Galaxy gli passerà accanto.

Qualsiasi utente di uno smartphone Galaxy o altro dispositivo Samsung può registrarsi al servizio volontario e gratuito. Le informazioni sulla posizione del dispositivo smarrito vengono fornite esclusivamente al suo proprietario e gli utenti che hanno contribuito a trovarlo non lo sapranno mai.

Con SmartThings Find, puoi cercare la maggior parte dei dispositivi Galaxy, dagli smartphone agli smartwatch e ai singoli auricolari. Ad esempio, Apple ha anche un servizio di posizionamento simile basato sul raggruppamento della base di utenti.