Jony Ive e Apple, è definitivamente finita

Dopo aver lasciato Apple nel 2019, Jony Ive, famoso designer noto per i suoi prodotti a marchio Apple, lavorava ancora per quest’ultima come consulente. Ormai è finito, il divorzio tra Apple e Jony Ive è ormai completamente registrato.

Se hai avuto un prodotto Apple, dall’iPhone al MacBook all’Apple Watch, Jony Ive ci ha sicuramente lavorato, in qualità di capo designer di Apple. Oltre a ciò, ha avuto un forte impatto sul design dei prodotti tecnologici che utilizziamo quotidianamente, che si tratti dei nostri smartphone o dei nostri computer.

Jony Ive è entrato in Apple nel 1992; trent’anni dopo, la sua tumultuosa avventura con il marchio si conclude definitivamente. Designer industriale senza concessioni, ha cambiato profondamente l’aspetto fisico dei prodotti Apple. La sua collaborazione con Apple ora è finita per sempre.

Jony Ho sempre voluto la libertà

Secondo le informazioni del New York Times, “Mr. Ive e Apple hanno deciso di smettere di lavorare insieme, secondo due persone a conoscenza del loro accordo contrattuale”. Per alcune settimane il contratto avrebbe dovuto essere rinnovato, «le parti hanno deciso di non prorogarlo». L’outlet riporta che “alcuni dirigenti Apple avevano messo in dubbio il compenso del signor Ive e si erano sentiti frustrati dopo che molti dei suoi designer se ne erano andati per unirsi all’azienda del signor Ive. E il signor Ive voleva la libertà di assumere clienti senza chiedere il permesso ad Apple.

Jony Ive

Avevo lasciato Apple nel 2019 per fondare la sua società di design, LoveFrom. Ha continuato a collaborare con l’azienda di Cuppertino, grazie a un contratto del valore di oltre 100 milioni di dollari in diversi anni. Apple era anche il suo principale cliente, scrive il quotidiano che “l’accordo ha impedito a Mr. Ive di accettare lavori che Apple riteneva competitivi e ha garantito che il designer avrebbe contribuito allo sviluppo di prodotti futuri”. Il designer americano-britannico stava lavorando, ad esempio, al misterioso visore per realtà mista di Apple. Sappiamo anche che LoveFrom lavora per Ferrari e la sua holding Exor.

Sir Jony Ive

Tornando indietro nella carriera di Jony Ive, possiamo vedere che era sempre assetato di libertà. Nella biografia di Steve Jobs di Walter Isaacson, intitolata Steve Jobs, il designer si è confidato al biografo. Nel settembre 1997, Steve Jobs è stato nominato iP-DG e ha cercato di rimotivare i suoi dipendenti durante una riunione. Jony Ive era presente in sala e stava per rassegnare le dimissioni, perché “era stanco che l’azienda si preoccupasse più dei profitti che dei suoi prodotti”. Era stato poi sorpreso dal discorso del suo capo: “Steve aveva chiarito che il nostro obiettivo non era solo guadagnare soldi, ma produrre ottimi prodotti. Questo ha cambiato completamente la filosofia della casa”. Anche per questo Jony Ive ha lasciato Apple nel 2019, dopo le liti con Tim Cook.

Il rispetto di Steve Jobs per Ive

Come ha sottolineato il New York Times, Jony Ive non era nessuno per Steve Jobs. Il creatore di Apple aveva un profondo rispetto per il designer. Nella sua biografia scritta da Walter Isaacson, ha confidato questo:

“Quello che Jony ha portato, non solo ad Apple ma al mondo intero, è enorme. È una persona brillante in tutti i campi. Include finanza, marketing. Cattura tutto in un batter d’occhio. Conosce, meglio di chiunque altro, l’anima di Apple. Se la società avesse bisogno di una guida spirituale, sarebbe Jony. Molto spesso, progettiamo i prodotti insieme; poi li presentiamo agli altri e chiediamo loro: “Allora, cosa ne pensate? » Jony sa come prendere l’altezza, come scrutare i dettagli. E sa che Apple è soprattutto un produttore. Non è un’azienda di design. Ecco perché tratta direttamente con me. Ha più potere decisionale di tutti gli altri dirigenti della società. Nessuno può dirgli cosa dovrebbe o non dovrebbe fare. Volevo che avesse quella libertà. »

Anche le decisioni di Jobs sono state molto contestate, sia sull’iPod che sulle applicazioni di terze parti su iOS.

Un’era finita qualche anno fa

Dalla partenza di Jony Ive nel 2019, Alan Dye ed Evans Hankey hanno guidato il team di progettazione di Apple; sono stati con l’azienda per diversi anni e in precedenza hanno riferito a Jony Ive.

9to5Mac, che riporta la notizia, rileva che per alcuni i prodotti del brand sono migliori dall’uscita del famoso designer. L’esempio più notevole è stato il MacBook Pro, che nella visione di Ive avrebbe dovuto avere solo una porta USB-C, per avere un design ultrasottile. Alla fine, il laptop ne aveva avuti diversi.

Il New York Times scrive anche che per diversi anni Tim Cook si è concentrato sulla vendita di software e servizi oltre ai prodotti. Ciò allevia in un certo senso le esigenze di progettazione e soprattutto la cura che potrebbe essere stata loro riservata.