Apple

iPhone X avrà un display OLED curvo e porta USB Type-C?

Il Wall Street Journal ha affermato che il prossimo iPhone integrerà un display OLED curvo realizzato da Samsung, ergo AMOLED. Anche secondo l’analista Ming Chi-Kuo di KGI Securities, Apple svelerà tre nuovi modelli, due tradizionali con display LCD (verosimilmente denominati iPhone 7s e 7s Plus) e uno speciale in occasione del decimo anniversario dalla nascita dell’iconico prodotto, denominato 8 da alcuni blog, X da noi e “Ferrari” nei laboratori, secondo alcune indiscrezioni.

Le fonti anonime di WSJ sostengono che il nuovo iPhone abbandonerà il tasto Home in favore di un’area sensibile al tocco nella parte bassa del display, come dichiarato dallo stesso Kuo che ha parlato, pochi giorni fa, di un settore funzionale inferiore. Inoltre, secondo nuovi report che tuttavia non appaiono estremamente chiari, Apple rimpiazzerà il connettore Lightning, introdotto nel 2012 su iPhone 5, con il nuovo standard universale Type-C, per la prima volta apparso su MacBook nel 2015. A questo punto, è plausibile ritenere che anche i modelli tradizionali – ovvero 7s – abbandoneranno il Lightning.

Inoltre il blog giapponese Mac Otakara sostiene che solo il modello speciale con display OLED e design rinnovato integrerà un sistema di ricarica wireless, in contraddizione con quanto sostenuto da Kuo e Nikkei. Per confondere ancor di più le acque, Mac Otakara non ha parlato minimamente dell’abbandono del Lightning.

Sostiene invece che l’azienda di Cupertino abbia preferito mantenere un connettore proprietario con eventuale adattatore opzionale, forse incluso nella confezione europea. Uno scenario di equilibrio tra i due potrebbe configurarsi nella sostituzione dello spinotto sul cavo da USB tradizionale a Type-C, senza modificare l’ingresso del dispositivo.

Con un display senza bordi, il nuovo iPhone X avrà dimensioni paragonabili all’attuale modello da 4,7 pollici, ma con uno schermo molto più ampio da 5,8 pollici. La fotocamera frontale integrerà nuove funzionalità 3D e sarà in grado di riconoscere i volti per attuare l’autenticazione facciale. L’alluminio sarà abbandonato in favore di vetro e acciaio inossidabile. Brutte notizie per quanto riguarda il prezzo, che è da ritenersi pari se non superiore ai mille dollari.

1 Commento
Vai su