Il Samsung Galaxy S22 Ultra vende più del Galaxy Note, nonostante il suo prezzo molto alto

Samsung supera le aspettative con il suo Galaxy S22 Ultra. L’azienda sudcoreana ottiene il suo miglior punteggio con il suo ultimo smartphone di fascia alta che utilizza il design della serie Note, nonostante un prezzo di partenza molto alto. Questo nuovo record offre spunti di riflessione sulla nuova percezione del pubblico in generale di un design un tempo trascurato.

Samsung sembra essersi ripreso bene dalle battute d’arresto con la sua gamma Note. La serie di smartphone era stata alquanto trascurata dagli utenti dopo il Note 8, fino a quando Samsung non ha considerato di interrompere completamente la sua gamma. Tuttavia, con la recente fusione delle sue gamme Note e S, l’azienda coreana sembra aver ottenuto un colpo da maestro, dal momento che i dati di vendita del suo Galaxy S22 Ultra non sono mai stati così alti.

Un ritorno regale

Se torniamo un po’ indietro, il Samsung Galaxy S22 Ultra è uno smartphone che ha fatto molta strada. La storia di questo design, che era stato segnato dall’episodio delle batterie esplosive del Note 7, non avrebbe potuto riprendersi da esso, ma Samsung è riuscita a riconquistare direttamente l’ascendente con il modello successivo.

Oggi la scommessa di reintegrare questo design sotto il nome di S22 Ultra sembra aver dato buoni frutti, visto che il brand ha già venduto finora quasi 11 milioni di unità del suo smartphone secondo le informazioni del leaker Ice Universe. .

Questo riposizionamento strategico dà all’azienda il miglior punteggio per uno smartphone con uno stilo in tutta la sua storia. Le vendite di questo tipo di dispositivo erano scese a 7,5 milioni di unità per l’ultimo Note 20 e ora superano i dati di vendita del Galaxy Note 8 che aveva raggiunto i 10,3 milioni di unità vendute.

Un problema di nomenclatura?

Queste cifre sono tanto più sorprendenti in quanto questo modello non è dei più abbordabili, visto che era stato lanciato ad un prezzo di 1259 euro e sembrano indicare un rinnovato interesse per l’offerta ultra premium del produttore coreano.

Il suo prezzo non sembra aver scoraggiato gli acquirenti e questa tipologia di smartphone sembra improvvisamente riguadagnare il suo fascino quasi per magia. Nota che Samsung offre spesso offerte sui suoi smartphone di punta e che questa dinamica potrebbe essere in parte dovuta a loro.

Comunque, questo dimostra che il problema della serie Note non era nel suo design, nel suo prezzo o nelle sue qualità intrinseche, ma nella percezione che il grande pubblico poteva averne. Questo potrebbe quindi dare ad altri marchi spunti di riflessione su come vendere meglio determinati prodotti utilizzando nuovi strumenti di marketing.