Elon Musk ha annunciato che si ritirerà dall’acquisto di Twitter: il tribunale potrebbe ancora forzare l’attuazione dell’accordo da 44 miliardi di dollari

La persona più ricca del mondo, conosciuto come il principale proprietario e CEO di Tesla e SpaceX, Elon Musk ha annunciato di volersi ritirare dall’acquisto del servizio di social media Twitter.

Musk aveva già firmato un accordo con Twitter per acquistare la società per 44 miliardi di dollari.

Musk ha annunciato il suo ritiro dalle offerte in un nuovo annuncio sul mercato mobiliare venerdì sera, 8 luglio, ora finlandese.

I movimenti di Musk su Twitter sono già stati colorati. Alla fine, sembra essersi pentito dell’accordo fatto con Twitter, dove ha offerto un prezzo pesante per l’azienda mentre lo sviluppo economico e di mercato intorno a lui si stava rapidamente indebolendo.

Nelle ultime settimane, Musk si è lamentato del numero di spam e account falsi su Twitter. Questo è stato generalmente visto come una scusa per ritirarsi dalle offerte o almeno rinegoziare il prezzo di acquisto.

Musk in precedenza aveva richiesto ulteriori informazioni a Twitter, che dimostrerebbero che il numero di spam e account falsi è a un livello coerente con gli annunci di Twitter. Twitter ha affermato che il numero di spam e account falsi è inferiore al 5% di tutti gli account utente.

Ora nel suo annuncio di ritirarsi dagli accordi, Musk ha anche affermato che oltre al problema relativo allo spam e agli account falsi, Twitter avrebbe violato l’accordo tra Musk e l’azienda licenziando anche due manager e riducendo il personale e congelando le assunzioni.

Anche se Musk ha ora annunciato che si ritirerà dagli accordi, la questione non è davvero finita.

Twitter ha già annunciato che porterà la questione in tribunale nello stato del Delaware con l’obiettivo di cercare di attuare l’accordo come concordato con Musk.

“Il consiglio di amministrazione di Twitter si è impegnato a completare la transazione al prezzo e ai termini concordati con il signor Musk e intende intraprendere un’azione legale per far rispettare l’accordo di fusione. Siamo fiduciosi di vincere nella corte del Delaware”, ha commentato Bret Taylor, presidente del consiglio di amministrazione di Twitter.

Nell’ambito dell’accordo tra Musk e Twitter, era stato concordato un compenso di 1 miliardo di dollari a Twitter nel caso in cui gli accordi non si fossero concretizzati. Musk nega di essere obbligato a pagare anche questo miliardo di dollari a causa delle azioni di Twitter, che secondo lui hanno violato il contratto.

Quando Twitter porta la questione in tribunale, ci sono semplicemente tre possibili opzioni di decisione: o il tribunale costringe Musk a portare a termine l’accordo come concordato, oppure accetta il ritiro dall’accordo in base all’accordo, dopodiché deve determinare se Musk deve pagare un risarcimento a Twitter o meno.

Le valutazioni della situazione hanno anche sollevato la possibilità che il tribunale costringa Musk a portare a termine gli accordi, ma alla fine non lo farebbe. Dopo questo, la situazione rimarrebbe ancora molto poco chiara.

Inoltre, ovviamente, un’opzione è ancora che Twitter e Musk siano d’accordo sulla situazione in via extragiudiziale. In questo caso, Musk dovrebbe probabilmente pagare a Twitter un compenso significativamente più alto di 1 miliardo, poiché Twitter è generalmente considerato in una posizione di forza nell’accordo tra le parti.

Già dall’inizio, ci sono stati molti colpi di scena tra Musk e Twitter.

Il 4 aprile, Elon Musk ha annunciato di aver acquistato una quota di oltre il 9% in Twitter. Musk avrebbe dovuto diventare un membro del consiglio di Twitter dopo questo, fino a quando non si è inaspettatamente ritirato dall’entrare nel consiglio. Il 14 aprile, Musk ha fatto un’offerta pubblica per acquistare tutto Twitter.

Il 25 aprile, Twitter ha firmato un accordo con Elon Musk in relazione alla sua offerta di acquisto della società. Il consiglio di amministrazione di Twitter, dopo aver inizialmente discusso, ha accettato all’unanimità di accettare l’offerta di acquisto di Musk e di raccomandarla agli azionisti.

Ai partner di Musk per l’acquisto di Twitter si sono uniti molti individui facoltosi e, tra le altre cose, società di investimento private.

L’offerta di acquisto di Musk per Twitter era di $ 54,20 per azione e il valore totale di Twitter nella transazione era di circa $ 44 miliardi, o poco meno di 41 miliardi di euro. L’accordo doveva essere completato nel corso del 2022 dopo l’approvazione degli azionisti di Twitter, le necessarie approvazioni normative e le consuete altre condizioni.

Le azioni di Twitter sono state scambiate anche prima dell’annuncio del ritiro di Musk con uno sconto di oltre il 30% rispetto al prezzo offerto da Musk. Il ritiro ha pesato ancora di più sul prezzo: venerdì nel mercato post-vendita, il prezzo delle azioni di Twitter è sceso a 35,04 dollari, che è più del 35% al ​​di sotto dell’offerta di Musk.

Le azioni di Musk in relazione alle transazioni su Twitter hanno causato molta rabbia nel complesso. Tra le altre cose, un certo numero di azionisti di Twitter lo ha citato in giudizio e anche l’autorità per il mercato dei titoli statunitense SEC sta indagando sull’annuncio illegalmente prolungato di Musk sul superamento del 5% di proprietà. Inoltre, le azioni di Musk hanno anche spinto il management di Twitter in una situazione confusa e molti capi hanno ricevuto pass di uscita o hanno deciso di lasciare l’azienda da soli.

Torna in alto