Coronavirus, Walter Ricciardi: “Servono più sanzioni e più controlli”

Lungomare Caracciolo oggi (foto ANSA)
Lungomare Caracciolo oggi (foto ANSA)

La pandemia del Coronavirus sta mettendo in ginocchio il mondo intero già da qualche mese. I casi continuano a salire e in Italia il virus circola ancora. Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza, ha voluto sottolineare il suo parere:

“Servono più controlli, ma soprattutto applicare sul serio le sanzioni. Purtroppo vedo che le multe sono lo zero virgola qualcosa rispetto al numero delle persone fermate. Così non va”.

Secondo l’esperto quindi la situazione potrebbe attenuarsi se si facessero più controlli e multe più salate. In effetti ancora oggi la parola d’ordine è “prudenza” poiché non è escluso il rischio di una seconda ondata, come più volte affermato dagli esperti. Ricciardi, in merito a ciò, ha dichiarato:

“Rischiamo di fare la fine della Catalogna o di Israele. Se i focolai crescono di numero e volume c’è il rischio di non riuscire più a tenerli sotto controllo. Potrebbe capitare di dover creare delle zone rosse anche in luoghi di villeggiatura dove si finirebbe per restare intrappolati. Per questo meglio darsi tutti una regolata”.