Coronavirus, parla il ragazzo che ha sputato sulla frutta: ecco perché l’ho fatto

coronavirus

Nei giorni scorsi è diventato virale un video pubblicato su Instagram da un ragazzo di Caserta in cui lo si vede sputare sulla frutta esposta in un supermercato, con tanto di scritta “infettiamo” in sovrimpressione.

Il video, inutile dirlo, ha suscitato lo sdegno di moltissime persone, tanto che le forze dell’ordine hanno raggiunto tempestivamente il giovane presso la sua abitazione e l’hanno denunciato. Oggi, però, il ragazzo tenta di spiegare perché ha compiuto quel gesto estremo.

Coronavirus: ecco perché ho sputato sulla frutta

Durante un’intervista fatta al noto programma televisivo “Le Iene”, il ragazzo casertano, reo di aver pubblicato sui social un video in cui sputa sulla frutta esposta in un supermercato, tenta di spiegare al pubblico del web perché ha compiuto quel gesto estremo.

“Ormai tutta Italia mi conosce per il video girato nel supermercato in cui simulo dei colpi di tosse sulla frutta. Sono stato definito un pazzo che va al supermercato a sputare sulla frutta. Il video incriminato è solo una storia su Instagram. Nelle storie prima e dopo spiegavo che avrei simulato di avere il Coronavirus, sarei entrato nel supermercato e avrei mostrato a tutti come è facile infettare altre persone perché i controlli sono scarsi. Ma è stata presa solo la storia in cui tossisco ed è stata usata contro di me”.

Con queste parole il ragazzo – il cui nome non riveleremo per tutelare la sua privacy – tenta di giustificare il suo gesto. Si tratterebbe, quindi, solo di un “video denuncia”, girato con lo scopo di mostrare la scarsa sicurezza all’interno delle strutture rimaste aperte durante l’emergenza sanitaria da Covid-19.

Ammette, poi: “Non dovevo tossire sulla frutta, nemmeno per finta. Però gli insulti e le minacce che mi sono arrivati in seguito sono peggio di quello che ho fatto”.

Qui potrete trovare il video in cui il ragazzo spiega il suo gesto. A voi i commenti.