Coronavirus, ordine choc: «Sparare a chi viola la quarantena»

Durante un discorso alla nazione il leader filippino Rodrigo Duterte si è rivolto alla polizia e all’esercito ordinando di sparare a chiunque non rispetti la quarantena.

Il presidente ha continuato dicendo:

“Non cercate di intimidire il governo e non sfidatelo. Perderete. Vi spedirò nella tomba”.

Le sue parole sono provocate da una rivolta nel Paese, in cui i cittadini hanno bloccato un’autostrada lamentando il fatto di non aver ricevuto cibo e beni di prima necessità dall’inizio dell’epidemia.

La risposta delle forze dell’ordine

Il capo della polizia, dopo questo annuncio choc, ha subito precisato che gli agenti non apriranno il fuoco.

Le Filippine contano al momento oltre 2000 ammalati da COVID-19 e 96 morti. Si teme però che il bilancio possa salire considerato anche lo stato di povertà che vige nel Paese.