Coronavirus, ministro Speranza avverte: “48 ore per piegare curva contagi terrificante”

Per lunedì 2 novembre è atteso il nuovo DPCM, che definirà le misure da adottare contro la diffusione non controllata del Coronavirus. Solo ieri infatti si sono raggiunti +31mila contagi nel giro di 24 ore. Perciò, il ministro della Salute, Roberto Speranza, in un’intervista al Corriere della Sera ha avvertito: “I dati del Coronavirus mostrano una curva terrificante. O la pieghiamo, o andiamo in difficoltà”.

Speranza infatti ha continuato dicendo: “Abbiamo 48 ore per provare a dare una stretta ulteriore, c’è troppa gente in giro. L’idea del governo è sempre quella di non toccare le scuole. Vogliamo difenderle il più possibile, ma purtroppo dobbiamo farlo dentro il contesto di una epidemia”

La chiusura delle regioni per il ministro è “scontata”, visti i numeri crescenti sempre più preoccupanti da sostenere nelle strutture ospedaliere. Nel frattempo è iniziata una riunione tra Governo e Regioni, che delineerà le linee guida che Conte illustrerà domani 2 novembre nella conferenza stampa.