Coronavirus, il governo chiarisce: sì visite ai fidanzati, rientrano tra i congiunti

Giuseppe Conte, presidente del consiglio
Giuseppe Conte, presidente del consiglio

I fidanzati e le fidanzate, o comunque quelli che vengono definiti come affetti stabili, rientrano nella definizione di congiunti. Questo è quanto emerge da una lettura approfondita del dpcm firmato il 26 aprile dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

Fino a questo momento ci sono stati molti dubbi su chi fossero i “congiunti”, tant’è che le ricerche sul web sono state numerosissime, ma la precisazione da parte del governo che ne specifica il significato non è tardata ad arrivare

Giuseppe Conte: le nuove normative dal 4 maggio 2020

Le misure imposte dal 4 maggio 2020 sono comunque severe e restrittive come quelle attuali, anche se permettono una maggiore libertà di movimento, sempre in osservanza delle restrizioni per la sicurezza.

Conte ha annunciato la riapertura di specifiche attività e di nuove disposizioni ad esempio per i ristoratori, che potranno procedere con il cibo d’asporto oltre che con il servizio a domicilio. Ma la notizia che in molti aspettavano è quella del poter fare visita ai propri cari, i cosiddetti “congiunti”.

E’ molto importante continuare a osservare le buone norme imposte in questi giorni per cercare di continuare a contenere il contagio e a renderlo quasi nullo il prima possibile in modo da poter riprendere, quanto prima, le normali attività quotidiane.