Apple

La Corea del Sud minaccia Apple per un problema alla batteria di iPhone 8

Dopo alcuni casi di rigonfiamento della batteria di iPhone 8 Plus registrati a Taiwan e in Giappone, in questi giorni se ne è registrato un altro in Corea del Sud, che però potrebbe costare caro ad Apple. Infatti, pur avendo sostituito tutti i modelli “difettosi”, alcuni enti governativi della Corea del Sud hanno deciso di far battaglia alla casa di Cupertino.

Infatti, stando ad un articolo pubblicato da ETNews, il Ministero della Scienza e la KATS, ovvero l’agenzia sud-coreana per la sicurezza della tecnologia, oltre ad aver contattato i vertici di Apple Corea, hanno dichiarato che il dispositivo sarà messo al bando e quindi non potrà più essere venduto nel Paese se si verificherà un altro incidente del genere.

Apple, oltre ad aver prontamente sostituito l’iPhone ai clienti, ha avviato un’indagine interna per scoprire la causa del problema, molto probabilmente dovuto ad un aumento anomalo della temperatura del dispositivo. Anche se la causa è ancora un’incognita, è improbabile che il problema sia da ricollegarsi al processo produttivo della batteria, che vanta le medesime dimensioni di quella dell’iPhone 7 Plus che non ha dato problemi.

Detto ciò, non bisogna però urlare allo scandalo, visto che le unità coinvolte da questo problema sono la minor parte dei dispositivi in circolazione. Meglio però per Apple che non si verifichino altri casi, altrimenti la casa della mela morsicata sarà quasi certamente costretta a ritirare il dispositivo dal mercato della Corea del Sud, come già accaduto a Samsung con il suo Galaxy Note 7.

Fai click per commentare
Vai su