Contro Sonos, Google avrebbe voluto giocare il più intelligente e potrebbe pentirsene

Google sembra aver imbrogliato un po’ troppo Sonos. Condannato per violazione di brevetto, l’azienda si sarebbe anche compromessa violando un divieto di importazione disposto dall’International Trade Commission.

La battaglia tra Google e Sonos continua a imperversare diversi mesi dopo che la giustizia americana si è pronunciata a favore del produttore di altoparlanti connessi. Google è stato quindi ritenuto colpevole di aver utilizzato indebitamente cinque importanti brevetti appartenenti a Sonos, di cui l’azienda era venuta a conoscenza durante una partnership conclusa tra i due gruppi nel 2013. A seguito di questa decisione del tribunale, resa lo scorso gennaio, Google è stata costretta a abbandonare semplicemente alcune funzionalità (in particolare in connessione con multiroom) sui propri altoparlanti collegati.

Questa decisione prevedeva anche il divieto di importazione negli Stati Uniti di alcuni prodotti importanti per Google, tra cui Nest, Pixel e persino Chromecast. È su questo punto che Sonos torna in carica, perché Google ovviamente non ha rispettato questo divieto ordinato dall’International Trade Commission (ITC)… e in questo caso la dogana americana se ne è accorta.

Sonos denuncia, Google si difende

“Oggi, il servizio doganale degli Stati Uniti ha dichiarato pubblicamente che Google ha violato il divieto di importazione della International Trade Commission dopo aver riscontrato che molti dei suoi prodotti violano cinque brevetti principali Sonos nel settore. home audio”, ha denunciato Eddie Lazarus, dell’ufficio legale di Sonos, citato da Thurrott.

“Il servizio doganale degli Stati Uniti ha confermato che Google sta ignorando il divieto di importazione e continua a importare prodotti in violazione del divieto. Questa scoperta è un altro esempio del fatto che Google continua ad abusare della nostra proprietà intellettuale e ad agire in totale violazione della legge.

Logo Google

“Per evitare nuovi divieti di importazione, Google deve degradare ulteriormente l’esperienza offerta ai suoi clienti o stipulare un accordo di licenza equo con Sonos”, ha affermato un altro portavoce di Sonos contattato da Thurrott. Da parte sua, Google si difende assicurando che i suoi prodotti audio non siano soggetti al divieto di importazione. Abbastanza audacemente, l’azienda deplora anche che Sonos stia costringendo la sua mano a frenare alcune caratteristiche dei suoi prodotti Via canali legali.

“La dogana statunitense ha confermato che i dispositivi audio di Google non sono soggetti a un divieto di importazione. (…) Nel corso degli anni, abbiamo lavorato duramente per garantire ai nostri clienti un’esperienza positiva e siamo delusi dal fatto che Sonos continui a utilizzare il sistema legale in modo da creare deliberatamente problemi a questi utenti”, spiega Google.

Una cosa è chiara, la situazione di stallo tra i due gruppi non ha finito di danneggiare gli utenti dei prodotti Google interessati.