Consumo Internet, in Italia più videogiochi che Smart-Working

Per via della quarantena istituita per combattere il Coronavirus, abbiamo tutti trascorso (si spera) il nostro tempo a casa, fatta eccezione per le uscite strettamente necessarie. Il tempo libero è ovviamente aumentato estremamente.

E’ Fastweb a comunicare un dato molto importante: il gaming, che contribuisce solitamente al 15% del traffico complessivo, ha visto un aumento del 300%, dimostrando quanto i videogiochi abbiano catturato un pubblico vastissimo in questo periodo.

Videogiochi e Smart-Working, impennata del traffico web

Titoli come Call of Duty: Warzone hanno sicuramente contribuito a questa impressionante statistica. Lo Smart-Working ha contribuito in maniera meno pesante al consumo Internet rispetto ad altri media, vista anche la marcata compressione del traffico di questo tipo.

Per evitare sovraccarichi alle reti, le varie piattaforme di streaming hanno ridotto la qualità dei contenuti, il cui traffico è considerevolmente pesante. Di certo l’uscita de “La Casa di Carta 4” ha contribuito ad affollare i server di Netflix.