Tech

Come si procede al backup del PC

Recovery Data è un’azienda specializzata nel recupero dati, attività che viene garantita in tempi rapidi e con i più elevati standard di sicurezza. Il servizio viene offerto grazie all’impiego di strumenti di ultima generazione, che permettono di intervenire su una grande varietà di dispositivi, dalle memory card agli smartphone, dai server alle pen drive USB, dai sistemi Raid ai DVD, dai CD agli hard disk.

L’esperienza acquisita nel settore e la professionalità dei tecnici qualificati a disposizione della clientela sono i punti di forza dell’azienda, che ha sede a Roma e che opera assicurando la massima riservatezza. Anche chi vive lontano dalla Capitale, in ogni caso, può richiederne i servizi spedendo i dispositivi su cui intervenire tramite corriere espresso. Proprio il team di Recovery Data, per altro, ci ricorda l’importanza di effettuare con regolarità il backup dei dati del computer e, più in generale, dei propri dispositivi.

Il backup dei dati è davvero necessario?

Questa procedura è così importante che le è stata dedicata perfino una ricorrenza, il World Backup Day, che invita tutti ad avere almeno una copia delle proprie informazioni e dei propri file distribuiti sui vari supporti. Gli inconvenienti in cui si può incappare sono potenzialmente infiniti: si pensi, per esempio, alla cancellazione accidentale di una cartella o all’eliminazione per errore di un file, ma anche a un problema del disco rigido. Così, da un secondo all’altro, ci si ritrova privi di documenti o di ricordi preziosi.

Quali sono le insidie da cui dobbiamo proteggerci?

Oltre agli eventi fortuiti, è bene non dimenticare le potenziali aggressioni che possono provenire da fuori, come per esempio le infezioni malware o gli attacchi hacker. Quando, per esempio, un sistema informatico viene infettato da un ransomware, è del tutto sconsigliato pagare il riscatto che viene richiesto dagli estorsori: il problema, però, è che così facendo i dati vanno persi, se non sono stati salvati in precedenza, e a quel punto è essenziale il recupero dati da richiedere a un’azienda specializzata come la nostra.

Perché si perdono i dati?

Proprio in occasione del World Backup Day del 2019 Acronis ha commissionato una ricerca tra gli utenti che ha permesso di scoprire che il 65% degli intervistati ha avuto a che fare almeno una volta con la perdita dei dati. Tuttavia più di 9 persone su 10 dichiarano di eseguire backup con regolarità.

Le statistiche a proposito di questo argomento sono in aumento rispetto a quelle dello scorso anno. Insomma, chi usa uno smartphone o un computer ha ormai capito che è importante effettuare un backup. Una distrazione, un guasto hardware, un malfunzionamento software, un attacco malware: sono tante le ragioni che possono portare alla perdita dei dati.

Che cosa si utilizza per il backup?

Le soluzioni a disposizione sono varie: sempre secondo lo studio che citavamo in precedenza, 3 utenti su 10 si avvalgono di soluzioni cloud, mentre nel 70% dei casi a essere adoperati sono supporti di memoria fisici, come per esempio un hard disk esterno o una chiavetta. Sia chiaro: la necessità di provvedere a un backup non riguarda solo gli utenti privati, ma anche e soprattutto le aziende. La perdita dei dati in questo caso può avere effetti ancora più disastrosi, soprattutto a livello economico.

Ma cosa si può fare per ridurre il rischio di perdere i dati?

I backup sono la prima soluzione da tenere a mente ma non l’unica: è importante, per esempio, avere cura di aggiornare con costanza il sistema operativo e i software che sono installati sul telefono e sul computer. Gli aggiornamenti, infatti, quasi sempre includono i bug fix, grazie a cui è possibile rimediare alle lacune di sicurezza eventualmente riscontrate nel codice sorgente.

Fai click per commentare
Vai su