Come fare e usare AirDrop su Android

La condivisione di file tra dispositivi è una caratteristica integrante degli smartphone moderni.

Per molto tempo, gli utenti Apple hanno goduto della comodità di AirDrop, uno strumento di condivisione di file integrato che consente di trasferire file tra iPad, iPhone e Mac senza problemi. Questo strumento funziona solo con i dispositivi Apple.

Gli utenti Android si sono spesso sentiti esclusi, perdendo la semplicità e la convenienza perché Google non aveva ancora introdotto una funzione con le stesse caratteristiche.

Fortunatamente, i progressi della tecnologia sono riusciti a colmare questo divario. Google si è resa conto di questa mancanza e, nel 2020, ha lanciato la funzione “Nearby Share” esclusivamente per i dispositivi Android.

Successivamente, nel 2021, l’azienda ha sviluppato una funzionalità simile per i suoi Chromebook. Nel 2023 ha esteso questa funzione al di fuori dell’ecosistema Google e ai dispositivi Windows. È diventato un fenomeno immediato tra gli utenti.

Quindi, quando si dice di voler utilizzare AirDrop su Android, si intende semplicemente utilizzare la funzione Nearby Share.

Se si desidera condividere video, documenti, foto o qualsiasi altro file, Nearby Share consente di inviarli in modalità wireless senza connessione a Internet.

In questo articolo, discuteremo in dettaglio cos’è Nearby Share e forniremo una guida approfondita, passo dopo passo, su come utilizzarlo per inviare i file.

Nearby Share: cos’è e come funziona

Nearby Share è la risposta di Google ad AirDrop. Prima della sua nascita, gli utenti Android disponevano di numerose altre opzioni di condivisione dei file.

Uno dei principali svantaggi di queste opzioni era che gli utenti finali dovevano scaricare la stessa applicazione di terze parti per poter condividere i file con successo. Queste applicazioni esistono ancora oggi, ma pongono gli stessi problemi.

Ad esempio, alcune includono pubblicità e bloatware non necessari che frammentano l’esperienza dell’utente. Altre non hanno lo stesso livello di sicurezza e crittografia di strumenti integrati come Nearby Share e AirDrop.

Inoltre, a causa della base limitata di utenti, trovare dispositivi compatibili per la condivisione di file è spesso difficile.

La tecnologia alla base di Nearby Share è stimolante. Questo strumento utilizza una combinazione di connessioni wireless per stabilire e facilitare la condivisione di file tra dispositivi Android. Ecco come funziona:

Bluetooth e Bluetooth Low Energy (BLE)

Nelle fasi iniziali, utilizza il Bluetooth per il rilevamento dei dispositivi. Quando si attiva Nearby Share sul dispositivo, questo trasmette il suo segnale Bluetooth per indicare la sua disponibilità alla condivisione.

Inoltre, incorpora il BLE o Bluetooth Low Energy, una versione a basso consumo energetico del Bluetooth progettata per comunicazioni a corto raggio con basse velocità di trasferimento dati.

Wi-Fi Direct

Una volta completata la scoperta, Nearby Share stabilisce una connessione Wi-Fi tra i dispositivi Android. Rispetto al Bluetooth, il Wi-Fi è molto più veloce e rappresenta la soluzione ideale per il trasferimento di file.

Ma Nearby Share non utilizza il Wi-Fi standard che usiamo per accedere a Internet. Utilizza Wi-Fi Direct, una tecnologia peer-to-peer che consente ai dispositivi di connettersi direttamente senza la rete Wi-Fi tradizionale.

WebRTC

Neary Share dispone anche di WebRTC (Web Real-Time Communication). Si tratta dei protocolli che facilitano l’effettivo trasferimento dei file.

In una panoramica più tecnica, WebRTX è una raccolta di API e protocolli che consentono lo scambio di dati in tempo reale tra browser e dispositivi web. Nearby Share utilizza queste API e questi protocolli per stabilire una connessione peer-to-peer sicura tra i dispositivi.

Crittografia

Ancora più interessante è il fatto che Nearby Share incorpora la crittografia per garantire la sicurezza del processo di trasferimento dei dati.

Lo strumento cripta i file prima del processo di trasferimento, impedendo così l’intercettazione e qualsiasi altra forma di accesso non autorizzato. Ciò contribuisce a proteggere l’integrità e la privacy dei dati trasferiti.

Servizi Google Play

I telefoni Android sono dotati di servizi Google Play già installati.

Nearby Share utilizza questa applicazione per facilitare la comunicazione in background e il coordinamento dei dispositivi. Google Play Services dispone delle API e dell’infrastruttura necessarie per garantire il funzionamento di Nearby Share in tutte le versioni di Android.

Prerequisiti per usare Nearby Share

Nearby Share funziona con i dispositivi Android con versione Android 6.0/Marshmallow o superiore. La prima versione è stata introdotta sul mercato nel 2015, quindi se avete un modello di telefono degli anni successivi, siete già integrati con lo strumento Nearby Share.

Essendo integrato nei dispositivi Android, esegue i comandi in background attraverso Google Play Services. Pertanto, è necessario assicurarsi che il software di Google Play sia sempre aggiornato.

Se si desidera utilizzare questo strumento su un computer Windows, è necessario assicurarsi che sia in esecuzione una versione a 64 bit del sistema operativo Windows 10 o 11.

Gli utenti devono tuttavia tenere presente che il sistema operativo Windows 10 o 11 non è in grado di gestire la condivisione in tempo reale.

I sistemi operativi Windows non fanno parte dell’ecosistema Google e che per utilizzare lo strumento è necessario scaricarlo come applicazione.

I Chromebook non hanno requisiti stringenti ed è possibile utilizzare lo strumento integrato per condividere link, contatti e foto, oltre ad altri file.

Come eseguire AirDrop su Android usando Nearby Share

Abbiamo già stabilito che Nearby Share è l’AirDrop per Android. Ecco come utilizzare questo strumento per trasferire file tra dispositivi Android.

Passo 1: abilitare Nearby Share sul dispositivo Android

Il primo passo da compiere è abilitare la funzione Nearby Share sui vostri dispositivi. Questa procedura può variare a seconda del modello di telefono, ma la maggior parte utilizza quella descritta di seguito.

  1. Aprite l’applicazione Impostazioni sul vostro dispositivo Android e scorrete fino a Google.
  2. Aprite il menu Google e fate clic su Dispositivi e condivisione.
  3. In Dispositivi e condivisione, fate clic su Condivisione nelle vicinanze.
  4. Attivate il pulsante nell’angolo in alto a destra per attivare lo strumento Condivisione nelle vicinanze.

Passo 2: assegnare un nome univoco al dispositivo

Il secondo passo consiste nel rinominare il dispositivo. Assegnare un nome univoco al telefono consente agli altri utenti di identificarlo facilmente tra i dispositivi disponibili. Ecco come procedere:

  1. Toccate il nome del dispositivo nel menu Condivisione nelle vicinanze.
  2. Modificate il nome del dispositivo con un nome univoco.

Passo 3: configurare le impostazioni preferite per la privacy

Una volta modificato il nome del dispositivo, è possibile configurare le impostazioni della privacy in Visibilità del dispositivo. Qui sono disponibili tre opzioni:

  • Tutti: qualsiasi persona nelle vicinanze può condividere i file con voi. Il dispositivo chiederà all’utente di approvare la richiesta di condivisione. Tuttavia, non sarà necessario approvare i dispositivi che hanno già effettuato l’accesso all’account Gmail principale del telefono. È possibile cambiare questa modalità in temporanea o mantenerla sempre attiva.
  • Contatti: chiunque sia presente nell’elenco dei contatti con la Condivisione nelle vicinanze attivata, sarà in grado di vedere il vostro dispositivo. Tuttavia, ciò avviene solo se la schermata iniziale è attiva o il telefono è sbloccato. Gli utenti possono selezionare i contatti che possono vedere il dispositivo come visibile.
  • I tuoi dispositivi: la terza opzione è quella dei dispositivi. Solo i dispositivi con accesso all’account Gmail principale possono vedere il dispositivo Android.

Passo 4: invio e ricezione di file con Nearby Share

Ora che avete attivato Nearby Share e configurato le impostazioni sulla privacy, potete inviare e ricevere foto, video, link e file musicali.

Questa funzione deve essere attiva su entrambi i telefoni, altrimenti non sarà possibile inviare e ricevere i file. Inoltre, assicuratevi che l’altro dispositivo sia sbloccato e che la schermata iniziale sia attiva. Ecco come procedere:

  1. Andate sul file specifico e fate clic sul pulsante di condivisione. Può trattarsi di un file musicale, di una foto o di un video. Se si tratta di un link, aprite il browser web e fate clic sui tre puntini, quindi scorrete verso il basso fino a trovare “condividi”.
  2. Individuate “Condivisione nelle vicinanze” tra le varie opzioni di condivisione sullo schermo. Su alcuni telefoni, appare solo come logo. Fate clic sull’opzione appropriata.
  3. Nearby Share inizierà a cercare i dispositivi disponibili. I dispositivi disponibili appariranno sullo schermo del telefono. Fate clic sul dispositivo Android di destinazione.
  4. Il telefono visualizzerà un pin che sarà visibile anche sull’altro dispositivo. L’altra persona deve accettare se il pin corrisponde al proprio.
  5. Il processo di trasferimento si avvia e il file viene condiviso con l’altro dispositivo. Fate clic su Fine una volta completato per terminare il processo.

Prima di concludere

Questo articolo ha illustrato nel dettaglio tutto ciò che c’è da sapere su come effettuare AirDrop con Android utilizzando Nearby Share.

Sfruttando varie tecnologie wireless come Bluetooth, Wi-Fi connect, WebRTC e un aspetto di crittografia, Nearby Share consente agli utenti di stabilire connessioni dirette tra i dispositivi, permettendo un trasferimento di dati veloce e affidabile.

Assicurandosi che il dispositivo soddisfi i prerequisiti e che le impostazioni siano configurate correttamente, Nearby Share offre una soluzione affidabile e senza interruzioni per la condivisione di file, link, foto e altro ancora con i dispositivi vicini.

Il processo è simile a quello del trasferimento di file con un dispositivo Apple. Gli utenti devono ricordare che Nearby Share è una funzione disponibile solo su Android 6.0/Marshmallow e versioni successive.

Domande frequenti

È possibile eseguire AirDrop su un telefono Android?

Sebbene non sia possibile utilizzare la funzione AirDrop di Apple su un dispositivo Android, Google ha sviluppato un’alternativa per i dispositivi Android nota come “Nearby Share”. Questo strumento ha le stesse funzionalità di Apple AirDrop: è possibile trasferire file, foto, video e documenti.

È possibile utilizzare AirDrop su Samsung?

Samsung utilizza un sistema operativo Android; pertanto, non è possibile utilizzare la funzione AirDrop.

Ma se la versione del sistema operativo Samsung è Android 6/marshmallow o versioni successive, può supportare Nearby Share, un’applicazione simile ad AirDrop ma per dispositivi Android.

Gli utenti Android possono usare AirDrop con l’iPhone?

Gli utenti Android non possono utilizzare AirDrop con gli utenti iPhone. AirDrop è uno strumento esclusivo di Apple. Gli utenti Android dispongono di una funzione nota come Nearby Share.

AirDrop è solo per le foto?

AirDrop consente di trasferire tutti i tipi di file tra i dispositivi Apple. Con la funzione AirDrop è possibile inviare foto, link, posizioni, file musicali, documenti e persino app.

È necessario il Wi-Fi per AirDrop?

Sì. Per utilizzare AirDrop è necessario attivare la connessione Wi-Fi e il Bluetooth. Inoltre, nessuno dei due dispositivi deve essere un hotspot per un altro dispositivo.

Torna in alto