Come bypassare la schermata di blocco di Android

Ebbene, hai dimenticato il codice di sblocco del tuo smartphone e sei bloccato fuori dal tuo dispositivo? Non preoccuparti, questo accade molto più spesso di quanto si possa pensare.

Ci sono diverse motivazioni per cui potresti non riuscire ad accedere allo smartphone.

Forse hai ritrovato un tuo vecchio dispositivo e ti rendi conto di aver dimenticato il codice di sblocco. O forse sei abituato a usare il lettore di impronte digitali o il riconoscimento facciale sul tuo smartphone e non ricordi bene il codice di sblocco.

Come aggirare la schermata di blocco di Android

Tieni presente che se riavvii il tuo dispositivo, dovrai inserire un codice di sblocco manuale prima di poter continuare a utilizzare le opzioni biometriche. Forse hai recentemente aggiornato il tuo codice per motivi di sicurezza e non lo hai ancora memorizzato bene.

Qualunque sia il motivo, siamo qui per aiutarti a riutilizzare il tuo smartphone. Ci sono diverse metodologie che puoi utilizzare. Dai un’occhiata alle tue opzioni qui di seguito.

Cancella il dispositivo da “Trova il mio dispositivo” di Google

Ti preghiamo di notare che questa opzione cancellerà tutte le informazioni sul dispositivo e lo riporterà alle impostazioni di fabbrica, come quando è stato acquistato per la prima volta.

Senza dubbio si tratta di un’opzione “delicata”, soprattutto se non hai salvato le informazioni presenti sul dispositivo. Tuttavia è un modo efficace per tornare a utilizzare un telefono bloccato.

Per proseguire con questo metodo, il tuo smartphone o tablet Android dovrà anche essere connesso al tuo account Google. Se così fosse, accedi alla pagina “Trova il mio dispositivo” di Google su un browser web da un computer, tablet o un altro smartphone.

Se il servizio individuasse il tuo telefono, ne mostrerà le relative informazioni, tra cui il nome, quanto tempo fa è stato localizzato, l’operatore e la percentuale di batteria.

Diversamente, se il servizio non individuasse il tuo dispositivo, seleziona l’opzione di aggiornamento finché non verrà rilevato. Se il prodotto fosse collegato al tuo account Google, verrà rilevato.

Da qui, seleziona “Resetta dispositivo” e conferma la scelta. Verrai quindi indirizzato a una pagina di accesso di Google, dove dovrai inserire le informazioni del tuo account Google. Procedi e l’operazione inizierà.

Una volta completata, sarai in grado di configurare il tuo smartphone come un nuovo dispositivo e impostare un codice di sblocco che puoi ricordare.

Ripristino alle impostazioni di fabbrica

Come la prima opzione, questa cancellerà tutte le informazioni sul dispositivo e lo riporterà alle impostazioni di fabbrica. Tuttavia, è un’opzione che puoi utilizzare senza dover accedere alla pagina “Trova il mio dispositivo” di Google.

Per usare questa opzione, devi avviare il dispositivo in Recovery Mode. Il metodo standard per farlo è spegnere il dispositivo e tenere premuti contemporaneamente il pulsante di accensione e il pulsante del volume giù. Ciò ti porterà nel bootloader.

E’ bene però sottolineare che la funzione potrebbe variare a seconda del dispositivo. Alcuni, potrebbero richiederti di tenere premuto il pulsante di accensione e il pulsante del volume su.

Una volta nel bootloader, utilizza i tasti del volume per navigare fino alla “Recovery Mode” e premi il pulsante di accensione per confermare l’opzione. In Recovery Mode, seleziona “Cancella dati/ripristino alle impostazioni di fabbrica”.

Premi il pulsante di accensione per confermare l’opzione e il tuo dispositivo si riavvierà e cancellerà tutti i tuoi dati. Una volta completato, sarai in grado di configurare il tuo smartphone come un nuovo dispositivo con un codice di sblocco che puoi ricordare.

Tieni presente che i dispositivi Android più recenti potrebbero richiederti di inserire l’indirizzo email e la password del tuo account Google prima di poter procedere con il ripristino alle impostazioni di fabbrica. Una volta fatto ciò, il ripristino dovrebbe procedere senza intoppi.

Opzione Modalità Sicura

Ti preghiamo di notare che questa opzione funziona solo se hai impostato una schermata di blocco personalizzata di terze parti sul tuo smartphone anziché la schermata di blocco predefinita.

Questa funzione funziona perché la modalità sicura disabilita tutte le applicazioni di terze parti mentre sei connesso in questo modo.

Per avviare la modalità sicura, premi il pulsante di accensione sul tuo smartphone e tieni premuta a lungo l’opzione “Spegni”. Comparirà immediatamente una finestra di dialogo che ti chiederà se desideri riavviare in modalità sicura. Seleziona “OK” e il tuo dispositivo si riavvierà.

Una volta in modalità sicura, la schermata di blocco di terze parti verrà disabilitata. Da qui puoi cancellare la password o disinstallare l’app.

Riavvia nuovamente il tuo dispositivo e dovresti essere in grado di accedere alla schermata principale senza inserire un codice di sblocco. Puoi quindi impostare una nuova password sull’app di terze parti se lo desideri o impostare una password tramite le impostazioni di Android predefinite.

Sblocco con il sito web “Trova il mio cellulare” di Samsung

Ti preghiamo di notare che se non hai configurato un account Samsung, non sarai in grado di utilizzare questa opzione. In generale, è un modo molto semplice per gli utenti Samsung di reimpostare il loro codice di sblocco e recuperare l’accesso al loro smartphone.

Accedi alla pagina “SmartThings Find” di Samsung su un browser web da un computer, tablet o un altro smartphone.

Accedi al tuo account Samsung e seleziona l’opzione di blocca schermo. Vedrai un’opzione per inserire un nuovo PIN. Inserisci un nuovo codice PIN e seleziona l’opzione di blocco.

Utilizza questo nuovo PIN per accedere al tuo dispositivo, ma tieni presente che il codice è specifico per il servizio “Trova il mio cellulare”. Dovrai aggiornare a un codice permanente nelle impostazioni di sicurezza del tuo dispositivo per mantenere l’accesso al tuo smartphone.

Accedi via Android Debug Bridge (ADB)

Questa è una funzione avanzata che funziona solo se il tuo smartphone è stato rootato e se hai già configurato il Debug Bridge di Android (ADB) sul tuo dispositivo mobile e sul computer (parte degli strumenti SDK di Android).

È meglio non tentare questa opzione se non sei molto familiare con questi strumenti. Potresti anche avere problemi con questa opzione se il tuo dispositivo è crittografato per impostazione predefinita.

In caso contrario, la reimpostazione della password tramite ADB è un metodo rapido e quasi plug and play. Essenzialmente cancella il file della password sul tuo smartphone, consentendo l’accesso diretto alla schermata principale al riavvio.

Collega il tuo smartphone al tuo computer Windows, Mac o Linux tramite un cavo dati USB. Accedi alla directory di installazione di ADB e apri una finestra del prompt dei comandi.

Inserisci il comando – adb shell rm /data/system/gesture.key – e premi Invio. Se hai un computer Mac o Linux, puoi aprire una finestra del terminale, che si trova nella cartella Utility nella cartella Applicazioni.

Una volta fatto ciò, riavvia il telefono e dovresti essere in grado di accedere al dispositivo senza un codice di sblocco. Una volta connesso al tuo dispositivo, dovrai aggiornare a un codice permanente, poiché questo metodo è una misura temporanea.

Opzione “Hai dimenticato il codice”

Questa opzione è principalmente per telefoni più vecchi, che eseguono Android 4.4 o versioni precedenti, ma se il tuo dispositivo soddisfa i requisiti, è una buona opzione per accedere facilmente al telefono.

La funzione “Hai dimenticato il codice” è esclusiva per il codice di sblocco basato sul modello. Ti consentirà di reimpostare il tuo codice di sblocco dalla schermata di blocco dopo cinque tentativi falliti.

Dopo ciò, inserisci nuovamente un codice di sblocco errato e vedrai una notifica che ti offre l’opzione di sbloccare il dispositivo con una domanda di sicurezza o di attendere 30 secondi per riprovare.

Se hai impostato una domanda di sicurezza o un PIN di backup e ne ricordi i dettagli, questa è anche un’opzione con questo metodo.

In caso contrario, seleziona l’opzione “Hai dimenticato il codice?” situata in fondo alla schermata e quindi seleziona “Inserisci i dettagli dell’account Google” se l’opzione è disponibile.

Alcuni dispositivi potrebbero passare direttamente al passaggio successivo, dove è possibile inserire il nome utente e la password di Gmail associati al dispositivo.

Seleziona “Accedi” e riceverai una email su quel account dove potrai disegnare un nuovo modello di sblocco, salvarlo e utilizzarlo per accedere nuovamente al tuo dispositivo.

Trucco della chiamata di emergenza

Questa opzione è per telefoni più vecchi che sono criptati e che eseguono versioni di sistema tra Android 5.0 e 5.1.1. Era una vulnerabilità che è stata successivamente risolta nelle versioni più vecchie di Android.

Tuttavia, per coloro che dispongono del software corretto, è un modo ingegnoso per aggirare la schermata di blocco e accedere al proprio smartphone.

Essenzialmente blocca l’interfaccia utente della schermata di blocco, consentendo di bypassare il requisito del codice di sblocco e accedere al dispositivo. Tieni presente che non è garantito che questa opzione funzioni.

Seleziona l’opzione “Chiamata di emergenza” sulla schermata di blocco del tuo dispositivo. Una volta che appare il tastierino, inserisci 10 asterischi. Tocca due volte gli asterischi per evidenziare i caratteri. Assicurati che siano tutti evidenziati, seleziona l’opzione “Copia”.

Posiziona il cursore alla fine del primo set di asterischi e incolla un altro set nel campo. Ripeti questa funzione di “Copia e Incolla” fino a quando il campo è pieno e non puoi più evidenziare.

Dopo questo, torna alla schermata di blocco e apri la fotocamera. Accedi al menu delle notifiche e quindi all’icona delle impostazioni. Da qui, ti verrà chiesto di inserire una password.

Ancora una volta, incolla gli asterischi copiati in precedenza nel campo della password, tenendo premuto a lungo lo spazio e selezionando “Incolla”. Ripeti questa azione fino a quando la schermata di blocco si blocca e apre direttamente il dispositivo alla schermata principale.

Torna in alto