Che cos’è la modalità ad alte prestazioni su Android?

Gli smartphone hanno fatto molta strada quando si tratta di prestazioni e calcolo. Con l’aumento del numero di persone che dipendono dai loro telefoni per svolgere la maggior parte del loro lavoro, c’è stato un forte aumento della domanda di maggiore potenza di elaborazione.

La maggior parte delle ammiraglie Android negli ultimi tempi ha un processore octa-core e viene fornita con più RAM di quella che le tue dita possono contare. Nonostante le prestazioni grezze di questi telefoni, potresti esserti imbattuto in una modalità aggiuntiva ad alte prestazioni di qualche tipo che afferma di aiutare a migliorare ulteriormente le cose.

Esploreremo di più su questa funzione in questo articolo per vedere se la presunta modalità ad alte prestazioni rende effettivamente il tuo telefono più veloce.

Che cos’è la modalità ad alte prestazioni?

Sebbene non si sappia molto in dettaglio su ciò che l’interruttore della modalità ad alte prestazioni fa davvero sul tuo dispositivo, possiamo fare alcune ipotesi plausibili. Per cominciare, aumenta le prestazioni di CPU e GPU al massimo che il tuo telefono può fornire.

Nel mondo dell’installazione di ROM personalizzate, alcuni kernel finiscono per overcloccare la CPU del tuo telefono per spremere fino all’ultimo bit di prestazioni da esso.

Tuttavia, poiché questa è una funzionalità che alcuni OEM hanno iniziato a fornire in modo nativo, è lecito ritenere che in realtà non overclocchi il dispositivo, esponendolo a rischi.

Invece, alcune cose banali come selezionare i core ad alte prestazioni invece di quelli più piccoli e utilizzare il 100% della CPU del telefono in brevi raffiche per evitare il surriscaldamento, contribuiscono tutti a migliorare le prestazioni.

La modalità ad alte prestazioni può anche aiutare a velocizzare un gioco sospendendo altre attività in background.

In sostanza, no, la modalità ad alte prestazioni non sblocca alcuna capacità nascosta del tuo telefono per fornire prestazioni magiche. Allo stesso tempo, tuttavia, può migliorare significativamente le prestazioni di gioco sul telefono se di solito sono in esecuzione molti processi in background.

Come abilitare la modalità ad alte prestazioni

Al momento, solo pochi produttori selezionati hanno incorporato una modalità ad alte prestazioni nei loro telefoni. Samsung, OnePlus, Oppo e Realme hanno tutti un interruttore nei menu che puoi abilitare.

Il modo in cui accedi a questa opzione potrebbe differire leggermente a seconda del telefono che stai utilizzando. Di solito puoi trovare questa opzione nelle impostazioni della batteria o dell’alimentazione.

Per i dispositivi OnePlus che eseguono OxygenOS, vai su Impostazioni > Batteria > Impostazioni avanzate e attiva Modalità ad alte prestazioni. Poiché ColorOS condivide una base di codice simile, potresti trovare l’opzione negli stessi menu sui telefoni Oppo e Realme.

La modalità ad alte prestazioni migliora effettivamente le prestazioni?

Anche se è ovvio che i produttori di smartphone stiano iniziando a distribuire funzionalità per utenti esperti ai loro consumatori, la modalità ad alte prestazioni fa davvero la differenza? Mettiamo tutto alla prova osservando i numeri di riferimento, le prestazioni di gioco e l’utilizzo quotidiano.

Abbiamo utilizzato un OnePlus 9RT per i test e come nostro telefono quotidiano, qualsiasi cambiamento nelle prestazioni sarebbe abbastanza evidente.

Il dispositivo ha un processore Snapdragon 888 e una GPU Adreno 660 supportata da 12 GB di RAM, queste sono tutte specifiche rappresentative di uno smartphone di fascia alta.

Risultati benchmark

Abbiamo utilizzato Geekbench 5 e AnTuTu Benchmark per una panoramica più tecnica e dettagliata delle prestazioni del dispositivo prima e dopo l’attivazione della modalità ad alte prestazioni.

Sebbene i benchmark siano un modo semplice per classificare il tuo telefono in base alle sue prestazioni, prendi questi numeri con le pinze. Ci sono molte variabili che influenzano questi numeri, motivo per cui anche i telefoni con lo stesso processore hanno risultati diversi a volte.

Abbiamo eseguito tutti i benchmark sullo stesso telefono con un livello di batteria elevato e li abbiamo distanziati per consentire al dispositivo di raffreddarsi un po’. Geekbench 5 è uno strumento di benchmark affidabile che calcola le prestazioni single-core e multi-core del tuo telefono.

Il telefono ha registrato un aumento significativo delle prestazioni single-core con la modalità ad alte prestazioni abilitata, ma sorprendentemente ha rappresentato una prestazione multi-core inferiore.

Questo ha senso perché la modalità ad alte prestazioni concentra tutta la potenza del tuo telefono solo sull’attività a portata di mano, ignorando i processi in background non necessari.

Ci sono molti aspetti che AnTuTu Benchmark misura comprese le prestazioni di CPU e GPU, memoria e punteggio UX e molto altro.

La storia è rimasta la stessa durante il test delle prestazioni utilizzando AnTuTu Benchmark. Il telefono ha mantenuto il punteggio della CPU, ma ha registrato un aumento significativo del punteggio della GPU.

Prestazioni di gioco nel mondo reale

I benchmark possono essere entusiasmanti da eseguire, ma non sono rappresentativi delle prestazioni effettive. La maggior parte dei benchmark sollecita la CPU e la GPU del telefono solo per tutto il tempo in cui sono in esecuzione, mentre le sessioni di gioco possono durare ore e ore.

Abbiamo giocato ad alcuni dei giochi graficamente più impegnativi con e senza la modalità ad alte prestazioni abilitata, e i risultati sono piuttosto… deludenti.

Sia Call of Duty Mobile che Genshin Impact hanno fornito un’esperienza di gioco fluida per i primi 30 minuti, dopodiché quest’ultimo ha iniziato a perdere frame. I risultati sono rimasti coerenti anche con la modalità ad alte prestazioni attivata.

A nostro avviso, le prestazioni di gioco sono influenzate maggiormente dalla limitazione automatica della CPU che il telefono fa per evitare il surriscaldamento, piuttosto che dall’alimentazione insufficiente stessa.

La modalità ad alte prestazioni potrebbe migliorare l’esperienza di gioco sui telefoni di fascia bassa, ma finora solo i telefoni più costosi e di fascia alta sono stati benedetti con questa funzione.

Uso quotidiano

Quando si tratta del normale utilizzo quotidiano consistente nella navigazione nelle app dei social media, nell’acquisizione di foto e occasionalmente nel multitasking, la modalità ad alte prestazioni non ha apportato miglioramenti evidenti.

Come affermato in precedenza, i telefoni di punta non hanno già problemi a tenere il passo con un utilizzo da moderato a elevato. Abbiamo lasciato l’interruttore acceso per un’intera giornata e abbiamo notato solo un consumo della batteria leggermente più veloce.

Non importa se hai il telefono giusto

Il nostro principale risultato da tutti questi test è che la modalità ad alte prestazioni sembra ridondante sui dispositivi di punta, dato il rendimento di questi telefoni a prescindere. Certo, abbiamo visto numeri più alti nei benchmark, ma l’uso quotidiano e le prestazioni di gioco sono rimaste le stesse.

Ci piacerebbe vedere questa opzione implementata sui dispositivi più orientati al budget che potrebbero effettivamente trarne vantaggio. Finché prevedi di acquistare un dispositivo con le specifiche giuste per il tuo utilizzo, la modalità ad alte prestazioni è solo una novità da avere, e la sua assenza non dovrebbe infastidirti.