Coronavirus, Berlusconi: “Ero preoccupato per i miei figli e nipoti”

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

Dopo due giorni dalle dimissioni dal San Raffaele di Milano, dove Berlusconi è stato ricoverato per alcune notti a causa della sua positività al Coronavirus, il leader di Forza Italia è tornato a parlare in un’intervista al Corriere della Sera.

“Sono spossato ma sereno. Ai malati di Covid dico: non lasciatevi andare. Queste le sue parole, dopo aver affermato anche che il Coronavirus è stata una terribile battaglia, tra quelle più difficili della sua vita.

“Ho temuto di non farcela ma ho confidato in Dio e nella competenza dei medici. Il Covid si può battere. La mia preoccupazione maggiore è stata per i miei figli e i miei nipoti, perché mi sento vicino al dolore di alcune famiglie che come la mia sono state provate da questo terribile morbo.”

Berlusconi ha infine rivolto un appello ai giovani perché vadano a votare per il referendum e le regionali, dove “vi è in gioco il nostro futuro”.