Apple ha ricevuto multe trascurabili dalla Russia: si rifiuta di archiviare i dati in Russia

Apple è stata schiaffeggiata con piccole multe in Russia, che sta conducendo una guerra di aggressione in Ucraina. Apple non accetta di archiviare i dati degli utenti all’interno dei confini del Paese, riporta l’agenzia di stampa Reuters.

Le autorità russe hanno multato Apple di due milioni di rubli – circa 34.000 euro – irrisori per gli standard dell’azienda. Il gigante della tecnologia non ha accettato di archiviare i dati degli utenti russi archiviati nel servizio cloud iCloud all’interno dei confini del Paese.

A febbraio, la Russia ha ampliato le sue operazioni militari in Ucraina in una guerra di aggressione su vasta scala, dopo di che è aumentata anche la pressione diretta verso le società tecnologiche nel Paese. Le autorità e soprattutto molte società statunitensi sono state in contrasto nel paese, ad esempio, in controversie relative alla conservazione dei dati.

Di recente, Pinterest e il servizio di streaming Twitch di proprietà del colosso dell’e-commerce Amazon sono stati multati anche in Russia.

Apple ha circa una dozzina di data center, la maggior parte dei quali si trova nel paese di origine dell’azienda, gli Stati Uniti. Un centro si trova in Danimarca, insieme ad alcuni in Cina. Le affermazioni della Russia sembrano in gran parte simili a quelle presentate dalla Cina all’epoca.

In Cina, una modifica della legge approvata nel 2016 ha richiesto a giganti della tecnologia come Apple di archiviare i dati degli utenti cinesi nei centri locali, cosa che Apple ha accettato. Tuttavia, la società non sembra avere intenzione di archiviare dati in Russia, ora o in futuro, che non è interessata dalle penalità relativamente piccole.

All’inizio di quest’anno, Apple ha interrotto completamente le sue vendite in Russia. Molte aziende tecnologiche occidentali hanno drasticamente ridotto le loro operazioni in Russia dopo che il paese ha attaccato l’Ucraina.