Apple è stata citata in giudizio negli Stati Uniti: la class action accusa l’abuso di posizione di mercato per spingere Apple Pay

Apple è stata citata in giudizio negli Stati Uniti per aver limitato i servizi di pagamento contactless dei suoi dispositivi al solo servizio Apple Pay. Secondo la causa, Apple avrebbe abusato della sua posizione dominante sul mercato.

La causa è stata avviata da Affinity Credit Union, che opera come una banca cooperativa e offre carte di pagamento ai propri clienti. L’azione collettiva proposta sta cercando altri partecipanti simili per i quali le azioni di Apple sarebbero state dannose. Invece di una causa intentata dai consumatori, Apple è accusata di infrangere la legge e le banche e altre società che offrono servizi di pagamento chiedono un possibile risarcimento nella causa.

Secondo la causa, le commissioni che Apple riscuote dagli emittenti di carte di pagamento per il collegamento delle carte al servizio di pagamento Apple Pay sono troppo elevate a causa dell’abuso della sua posizione dominante sul mercato.

Apple non ha consentito alcun metodo di pagamento contactless su iPhone o Apple Watch diverso dal proprio Apple Pay. All’inizio di maggio 2022, anche la Commissione UE ha presentato il suo parere al termine della sua indagine secondo cui Apple ha violato la normativa sulla concorrenza dell’Unione Europea abusando della sua posizione dominante di mercato con il suo servizio di pagamento Apple Pay e soprattutto limitando la connessione standard di prossimità NFC dei propri dispositivi al solo utilizzo del proprio servizio di pagamento.

Negli Stati Uniti, secondo Bloomberg, Apple riscuote una commissione di servizio dello 0,15% (carte di credito) o dello 0,05% (carte di pagamento di debito) dagli emittenti di carte per i pagamenti effettuati con carte collegate ad Apple Pay. Allo stesso modo, Google Pay e Samsung Pay, che consentono ai consumatori di effettuare pagamenti mobili con carte diverse, non addebitano agli emittenti delle carte alcun costo di servizio.

Secondo la causa intentata da Affinity Credit Union, Apple Pay avrebbe generato 1 miliardo di dollari per Apple nel 2019 e si prevede che le entrate quadruplicano entro il 2023.

“Se Apple affrontasse la concorrenza, non sarebbe in grado di mantenere queste significative commissioni di servizio”, afferma Affinity Credit Union in relazione alla sua causa.

Apple finora non ha commentato la questione. In passato, Apple ha cercato di giustificare la limitazione dei pagamenti contactless NFC nei suoi dispositivi solo al proprio servizio con sicurezza. Tuttavia, queste argomentazioni sono state viste con grande scetticismo, anche dalla Commissione Europea.

Affinity Credit Union è assistita nella causa dallo studio legale Hagens Berman, che è stato spesso coinvolto in cause di massa contro grandi aziende tecnologiche. È stato anche coinvolto, ad esempio, nel caso di fissazione del prezzo degli e-book del 2016 contro Apple, che ha comportato un risarcimento di $ 400 milioni nell’accordo transattivo, e nel 2021 nell’accordo di $ 100 milioni che ha posto fine alla causa intentata dall’applicazione App Store sviluppatori.

Torna in alto