Apple e Jony Ive terminano la loro associazione dopo tre anni, ora lo fanno

Jony Ive, che era legato ad Apple come consulente, ha finalmente posto fine alla sua associazione con l’azienda di Cupertino, secondo il New York Times. Così, una relazione durata tre anni si interrompe dopo che il britannico ha lasciato la sua posizione di Senior Vice President of Design.

È stato il 27 giugno 2019 che Jony Ive ha annunciato la sua partenza da Apple dopo quasi tre decenni. Durante buona parte della sua permanenza, infatti, è stato responsabile del design di Apple. Prodotti come l’iPod, l’iPhone, l’iMac e l’iPad, solo per citarne alcuni, gli sono passati per la mente. La notizia ovviamente ha scosso l’intero settore tecnologico; Soprattutto perché non c’erano voci su una possibile partenza e perché era un attore chiave nel presente e nel futuro della società.

Lo stesso giorno, Jony Ive stesso ha detto che avrebbe continuato a lavorare con Apple attraverso il suo nuovo studio di design: LoveFrom. Oggi, a distanza di quasi tre anni, concludono il loro lavoro insieme.

È importante ricordare, sì, che né Apple né Jony Ive sono venuti a menzionare a quali progetti stavano collaborando. Nonostante non ci siano informazioni ufficiali in merito, e sicuramente non ci saranno dichiarazioni delle due parti a breve termine, non è difficile intuire in cosa fosse coinvolto.

“Ci sono prodotti su cui lavoro da molti anni, sono entusiasta di continuare con loro, così come nuovi progetti in cui potrò contribuire e contribuire”, sono state le parole che Jony Ive ha espresso uscendo dai ranghi di Apple nel 2019. In questo Quindi, ricordiamolo bene, c’erano già delle voci sugli occhiali per realtà aumentata della mela.

Gli occhiali per la realtà potrebbero essere l’ultimo lavoro di Jony Ive in Apple

È interessante notare che, nel giugno dello stesso anno, un rapporto di Bloomberg Businessweek ha scoperto che il design degli occhiali ha subito un cambiamento significativo dopo l’intervento di Jony Ive. Il problema, tuttavia, è che Mike Rockwell, leader del team AR/VR di Apple, non avrebbe accolto con favore i cambiamenti. Mentre Rockwell scommetteva su un dispositivo potente che faceva affidamento su un modulo esterno per esplorare il suo pieno potenziale, Jony Ive ha preferito sacrificare le prestazioni per l’usabilità e l’estetica. A quanto pare Tim Cook avrebbe appoggiato Ive.

Ma le discrepanze non erano solo in una questione di design hardware, ma anche nella proposta funzionale degli occhiali. Come rivelato da The Information proprio lo scorso maggio, l’area AR/VR intendeva creare un dispositivo per la realtà virtuale, ma il team di progettazione si è opposto all’idea. Come mai? Credevano che la realtà virtuale alienasse gli utenti dalle altre persone isolandoli dal mondo esterno, facesse sembrare gli utenti antiquati e mancasse di usi pratici.

Alla fine, si sarebbero capiti quando è stato proposto di integrare telecamere esterne in modo che l’utente potesse vedere cosa sta succedendo all’esterno. Inoltre, gli occhiali avrebbero uno schermo esterno in modo che altri possano vedere le espressioni facciali di chi indossa il dispositivo. Non si sa se questa idea sia ancora in corso…

Mobilità, il prossimo passo per Jony Ive?

Ora che Apple e Jony Ive si sono separati per sempre, il creativo potrà concentrarsi sulla sua prossima esperienza di lavoro in Ferrari. Sì, l’azienda italiana di supersportive ha firmato Ive a settembre 2021.

“Come proprietari e collezionisti Ferrari, non potremmo essere più entusiasti di collaborare con questa straordinaria azienda e in particolare il team di progettazione guidato da Flavio Manzoni. Vediamo alcune opportunità uniche ed entusiasmanti lavorare insieme che crediamo produrranno lavori importanti e preziosi “, ha affermato la dichiarazione di Jony Ive.

Anche in questo caso non ci sono informazioni concrete su cosa lavoreranno. Tuttavia, gli occhi puntano su una Ferrari completamente elettrica il cui lancio è previsto per il 2025.