Applicazioni

Quando la scuola si fa smart, le app dedicate si moltiplicano

Anche quest’anno, con la fine dell’estate inizia ufficialmente la stagione dei compiti scolastici, incubo dei ragazzi di tutte le età. E allora, oltre a rassegnarsi alle foglie che cadono, i diretti interessati dovranno destreggiarsi tra mappe concettuali, espressioni, traduzioni ed analisi grammaticali.

Compiti che però potranno essere meno noiosi da quando anche la Ministra della Pubblica Istruzione Valeria Fedeli, ha riconosciuto il valore positivo della tecnologia in classe, dando il suo benestare sull’utilizzo degli smartphone come “valido strumento didattico”. Sebbene l’opinione di docenti e pedagogisti sia divisa in merito alla questione, perché non sfruttare questa novità in maniera costruttiva? Ecco una piccola selezione di interessanti apps per la scuola!

Grazie a miMind ogni concetto starà al suo posto

Proprio così, con miMind organizzare la propria esposizione prima di una interrogazione o fissare i concetti più importanti prima di un compito in classe non sarà più un terribile sforzo. Grazie a decine di layout, colori e modelli personalizzabili l’app sviluppata da CryptoBees si presta alla compilazione di semplici liste o all’organizzazione di progetti più complessi. La versatilità di miMind è aumentata anche dalla possibilità di condividere i contenuti prodotti in vari formati. Insomma, irrinunciabile!

Con Diario Scuola, i vostri figli non avranno più segreti

Chi non ha mai marinato la scuola scagli la prima pietra. Ora però sarà più difficile eludere i controlli dei genitori più ligi al dovere che grazie a Diario Scuola potranno controllare in tempo reale, l’ormai sdoganato registro elettronico (tra i più utilizzati c’è ClasseViva), contenente tutte le informazioni sul curriculum studiorum dei ragazzi. A prescindere dell’opinabile utilizzo da parte dei genitori, gli studenti potranno scaricare l’app sviluppata da Andrea Dal Cin per gestire voti, annotare compiti ed impostare promemoria in agenda. Un sostituto smart del vecchio diario insomma con qualche innovazione interessante come un registratore che consentirà di non perdere preziose spiegazioni.

Photomath si distingue tra le apps per la matematica

Questa utilissima applicazione di Photomath Inc. sfrutta la fotocamera dello smartphone per risolvere le espressioni matematiche, si comporta quindi come una vera e propria calcolatrice smart, dotata tra l’altro di un buon sistema di riconoscimento della calligrafia e del supporto per la lettura di grafici e funzioni.

DeAgostini si propone come sostituto smart dei compendi Bignami

Eh sì, DeAgostini si è affacciata sul mondo delle applicazioni didattiche e lo ha fatto in modo prorompente, proponendo una serie di Apps dedicate a materie quali Storia, Biologia, Chimica, Letteratura italiana, inglese e latina. “Studia Super Facile (SSF n.d.r), Veloci da leggere, Super facili da ricordare” è l’azzeccato motto che DeAgostini ha scelto per questa serie di applicazioni sintetiche ed intuitive che renderanno più semplice la vita di molti studenti.

Con l’app Sostanze Chimiche, Meendeleev non farà più paura

Last but not least, Sostanze chimiche – chimica organica e inorganica, sviluppata da Andrey Solovyev, farà passare la paura a tutti i chimici in erba che si dibatteranno tra nomenclatura IUPAC, strutture e formule. I quiz intuitivi ed i giochi a tempo rappresenteranno un valido e divertente metodo di ripasso della chimica.

Fai click per commentare
Vai su