Android: le applicazioni ora possono mentire sui dati personali che raccolgono

Il Google Play Store ha nuovamente modificato la sua politica sulla privacy. Ora gli utenti non possono più vedere quali tipi di autorizzazioni un’app richiede dopo l’installazione, il che potrebbe influire notevolmente sulla loro sicurezza.

All’inizio di quest’anno, il Google Play Store ha lanciato una nuova sezione sulla privacy dei dati che si affida agli sviluppatori per divulgare le informazioni raccolte dalle loro app. Ciò renderà più difficile per gli utenti Android sapere a quali tipi di app di dati stanno tentando di accedere una volta che sono state installate.

In effetti, come ha sottolineato il caporedattore di Esper Mishaal Rahman, ciò potrebbe significare che presto Google non mostrerà più l’elenco controllato di autorizzazioni che raccoglie automaticamente da ciascuna app, dando agli sviluppatori il controllo. totale di ciò che scelgono (o non scelgono) di rivelare agli utenti.

Il Google Play Store rimuoverà l’anteprima delle autorizzazioni dell’app

Con l’avvicinarsi della scadenza per gli sviluppatori di Google per la nuova sezione “Sicurezza dei dati” del Play Store, stiamo iniziando a vedere come sarà il futuro della privacy sull’app store del gigante statunitense. Ricordiamo che la nuova sezione sulla sicurezza dei dati del Play Store è la risposta di Google a una funzionalità simile in iOS 14, che mostra un elenco di considerazioni sulla privacy fornite dagli sviluppatori, come i dati raccolti da un’app, il modo in cui questi dati vengono archiviati e con chi è condiviso.

Sicurezza dei dati del Google Play Store 2

Secondo alcuni utenti, sembra che Google abbia già rimosso l’elenco dei “permessi” dal Play Store. L’app mobile e la versione web dello store non mostrano più quali autorizzazioni potrebbe essere necessaria per un’app per funzionare correttamente. La nuova “sicurezza dei dati” funge in una certa misura da sostituto. Ad esempio, se un’app afferma di raccogliere le informazioni sulla tua posizione, significa che dovrà ottenere l’autorizzazione per la posizione. Tuttavia, gli sviluppatori dovrebbero comunque dirti quali dati sono archiviati.

Google non richiederà agli sviluppatori di essere trasparenti sui dati raccolti

Google ha un’interfaccia nella sua Console per gli sviluppatori del Play Store che elenca tutta una serie di tipi di dati personali e dati del dispositivo che lo sviluppatore può navigare. Deve quindi in teoria rivelare come vengono elaborati dalla sua domanda.

Tuttavia, mentre gli sviluppatori possono ora spiegare come e perché viene raccolto ogni dato, ora avranno la possibilità di mentire su come utilizzano tutti quei dati. Google indica che adotterà “misure adeguate” se riscontra discrepanze tra le informazioni dichiarate dagli sviluppatori e l’applicazione stessa, ma immaginiamo che alcune applicazioni cadranno nelle crepe dei controlli del colosso.

Sicurezza dei dati del Google Play Store 3

Tuttavia, Google specifica che, in alcuni casi, lo sviluppatore non ha “necessità di divulgare i dati in quanto ‘raccolti’, anche se i dati lasciano tecnicamente il tuo dispositivo”. Per quanto riguarda la condivisione dei dati, gli sviluppatori hanno la possibilità di specificare se la loro applicazione condivide i tuoi dati con una terza parte e di che tipo, ma ancora una volta non sarà necessario dichiarare che i dati sono “condivisi”.

In altre parole, Google afferma nelle sue linee guida che fornire informazioni false sulla raccolta di dati potrebbe portare a sanzioni, ma gli sviluppatori non saranno penalizzati se non ne dicono nulla.

Apple si fida già degli sviluppatori sull’App Store

Da parte sua, l’Apple App Store ha implementato un’analoga policy per le informazioni relative alla tutela della privacy. Il negozio richiede inoltre agli sviluppatori di inviare “riepiloghi auto-segnalati” delle pratiche sulla privacy delle loro app. Apple quindi si fida già degli sviluppatori per fornire informazioni veritiere sui dati raccolti dalle loro app, ma questo è spesso fuorviante o impreciso.

Ad ogni modo, sembra che gli utenti Android dovranno presto affrontare una grave mancanza di trasparenza da parte degli sviluppatori. App come Facebook, Amazon, Twitter, Disney+, Discord e molte altre non menzionano ancora nulla sulla sicurezza dei dati. Anche DuckDuckGo manca ancora di trasparenza, mentre il browser è comunque impegnato per la sicurezza dei suoi utenti, nonostante la recente polemica che ha coinvolto Microsoft.

Torna in alto